Cinque fantastiche mete urbane per una vacanza in kayak

6 min tempo di lettura
Il porta kayak è installato, il kayak montato e siete pronti per partire verso un luogo che permetta di vivere un’esperienza straordinaria. Siamo fieri di presentarvi le nostre cinque destinazioni preferite per godersi un’esperienza di kayak urbano.

Il 22 settembre 2020

Attiva le notifiche push

Mobilità innovativa, nuovi e avvincenti trend e un altissimo numero di giri: abbonati adesso alle notifiche per i nuovi contenuti.

L'abbonamento successo.

L'abbonamento fallito.

Se hai bisogno di aiuto segui il link per il supporto.

Cos’è il kayak urbano?

Ma vediamo prima cos’è, il kayak urbano.

Come suggerisce il nome, il kayak urbano combina l’agilità e la comodità tipiche delle escursioni in kayak alla vita cittadina. Immaginatevi la scena: vogare lungo i canali della vostra metropoli preferita, godervi il sole, l’aria fresca e la skyline, il tutto serenamente seduti sul kayak che ondeggia sull’acqua.

Negli ultimi anni, sempre più appassionati di kayak hanno eletto a metà le città, per esplorare canali e corsi d’acqua urbani, dando vita a una categoria di escursioni in kayak completamente nuova.

Ma dove conviene andare per assaporare le migliori esperienze per il kayak urbano? Dove trovare le migliori destinazioni per un giro diverso dal solito? Preparate l’attrezzatura e dimenticate le lunghe camminate a piedi con carrello porta kayak: continuate a leggere per scoprire i nostri consigli su cinque emozionanti località di tutto il mondo, ognuna unica nel suo genere e perfetta per un un tour urbano insolito che sicuramente lascerà il segno.

© ddp images/Moritz Wolf © Getty Images/ yongyuan © Stocksy/2014 Paul Edmondson
1.

TOKYO, GIAPPONE

La capitale giapponese è forse la più famosa per l’atmosfera da grande metropoli, con luminose insegne al neon e file di grattacieli a perdita d’occhio. E non è un segreto che per gli inesperti muoversi in auto per le sue strade possa essere difficile. Ma sapevate che, a chi è in cerca di qualcosa di diverso, Tokyo offre moltissime occasioni di vivere un’esperienza più rilassante e godersi la frenesia metropolitana da un kayak?

Grazie ai numerosi canali della città, chi visita Tokyo può organizzare escursioni in kayak lunghe o brevi, attraversando i noti distretti finanziari, per esempio, o le zone residenziali nella parte orientale della città. Un periodo imperdibile per chi vuole vivere Tokyo con una pagaia in mano è la stagione della fioritura dei ciliegi, in giapponese sakura, che dura pochissimo e in genere cade tra marzo e aprile. Vogare per i romatici canali coperti di petali rosa è un modo di assaporare questa attrazione stagionale amata da turisti e residenti.

Per scoprire i percorsi migliori o per prenotare un giro in kayak, visitate per esempi Tokyo Kayaking e in men che non si dica vi ritroverete a esplorare la città più grande del mondo in modo indimenticabile. Assicuratevi di organizzarvi per tempo, soprattutto se sperate di godervi le cascate di petali rosa in un tour condotto da una guida: la stagione della fioritura dei ciliegi è molto gettonata e questo particolare giro in kayak si esaurisce presto!

© Imago/BE&W © imago Images/Shotshop © mauritius images / OJPHOTOS / Alamy © Getty Images/ Sam Mellish © mauritius images / EyeEm / Alamy
2.

COPENAGHEN, DANIMARCA

Sono poche le città europee che per il kayak urbano offrono opportunità migliori di Copenaghen. Costruita su un elaborato sistema di canali e isolotti portuali, la capitale danese vive da sempre in armonia con le proprie acque. A differenza di Tokyo, qui guidare l’auto non è molto difficile e solitamente troverete parcheggio proprio accanto ai canali senza difficoltà. Approfittate quindi di una calda giornata estiva per entrare nel kayak e unitevi non solo agli altri appassionati, ma anche alle frotte di danesi che solcano l’acqua a bordo di piccole imbarcazioni a noleggio, stand up paddle, dinghy e qualunque cosa galleggi.

Copenaghen abbonda di percorsi facili e, anche se siete novizi del kayak, potete attraversare più o meno tutta la città. Una possibilità è partire dal pontile accanto alla sede del Parlamento danese, sulle rive della nota Christianshavn ed esplorare la città come più preferite. Tra i punti di interesse rientrano il Teatro dell’opera, che dà sul canale di fronte al Palazzo reale di Amalienborg, i piccoli canali romantici punteggiati di case galleggianti e caffetterie affacciate sull’acqua, e perfino nuovissime zone residenziali che (come più o meno il resto della città) sono state costruite considerando l’acqua elemento integrante del quotidiano.

Per un tour guidato o per un consiglio, visitate per esempio Kayak Republic, dove troverete senza dubbio una guida pronta a mostrarvi i dintorni.

© mauritius images / Paulo Eduardo Canedo Nabas / Alamy © mauritius images / Sandro Perrino / Alamy © Getty Images/ Adam Jones © Getty Images/ 2008 Henryk Sadura
3.

CHICAGO, USA

La maggior parte dei visitatori difficilmente vedrà Chicago come un’eccellente meta per andare in kayak, ma per chi è interessato, la città americana abbonda di tour e panorami da regalare a chi desidera escursioni in kayak.

Uno dei maggiori punti di interesse è il canale che fiancheggia la nota Chicago Riverwalk, che offre viste mozzafiato della città e condizioni ideali sia per i principianti che per gli esperti. Un’altra fantastica alternativa è godersi un tour sull’altrettanto noto Lakefront Trail, che vi condurrà nel lago Michigan dandovi l’occasione di ammirare dall’acqua l’arcinota skyline della città. La riva dista circa 10 minuti di auto dal centro di Chicago, quindi nella stessa giornata potete visitare siti di interesse come il Millennium Park o il Navy Pier e fare un giro in kayak.

Se volete godervi una di queste esperienze in solitaria, dovete far valutare le vostre capacità da un istruttore, mentre i tour guidati sono accessibili anche ai principianti. Visitate Urban Kayaks per un assaggio delle escursioni disponibili e dei prezzi.

© ddp images/Giovanna © mauritius images / David Creedon / Alamy © Bridgemanimages.com © Stocksy/Helen Rushbrook
4.

CORK, IRLANDA

Per un’esperienza di kayak urbano completamente fuori dall’ordinario, vale la pena di visitare Cork, sulla costa meridionale irlandese, già di per sé un’ottima destinazione per chi ha voglia di godersi strade panoramiche alla guida.

Cork ha una lunga tradizione di città industriale, e da secoli è un nodo portuale importantissimo per l’economia irlandese. Da qualche anno, tuttavia, Cork è diventata una destinazione molto amata dai turisti, che possono godersi un gran numero di gallerie d’arte, antichi castelli, birrifici, mercati e musei, solo per fare qualche esempio. Dalla natura portuale di Cork conseguono ricche opportunità di entrare nel vostro kayak e percorrere i canali della città alla volta di un tour capace di offrire un’esperienza urbana molto diversa.

Se cercate un tour guidato, visitate per esempio Atlantic Sea Kayaking, un’attività locale che offre escursioni in kayak personalizzate all’interno della città, incluse visite ai più noti ponti e siti di interesse che affacciano sull’acqua.

© mauritius images / Matthias Scholz / Alamy © Getty Images/ Julian Elliott Photography
5.

VENEZIA, ITALIA

Cosa può offrire migliori opportunità per il kayak urbano di una città costruita sull’acqua, con un intricato sistema di canali che da secoli è la base della sua vivacità?

Esatto, il nostro quinto e ultimo consiglio per straordinare escursioni in kayak cittadine ci porta tra i canali forse più famosi del mondo: a Venezia. Solcate le anguste acque di questa perla lagunare, esplorandone la storia e la cultura straordinarie e affidandovi a una guida locale. Godetevi un’incredibile prospettiva acquatica in una città tanto ricca di dettagli e architettura quanto seducente, per esploratori alla ricerca di una storia originale da raccontare alle persone care. Venezia ha tutto quello che desiderate. Se poi prenotate con Real Venetian Kayak, potete anche scegliere un tour ecosostenibile condotto da guide esperte locali, che vi inviteranno a scoprire tutti i tesori nascosti della Serenissima.

I tour guidati non richiedono esperienza pregressa e solitamente includono anche l’attrezzatura. Ma ricordate: arrivare a Venezia in auto è una pessima idea. Conviene invece organizzarsi per tempo: vi risparmierete un gran mal di testa e dovrete pensare solo a godervi la città dall’acqua.

Autore: David Barnwell; Illustrazioni: Carolin Wabra