BMW

Per sapere di più su modelli, prodotti e servizi BMW:

Scoprire il Giappone con l’artista tessile Jun Tomita

7 min tempo di lettura
Saga Koshihata è una zona isolata di Kyoto, un luogo affascinante e stimolante per Jun Tomita, artista dedito alla tintura e alla tessitura. Affascinato da questo ambiente montano detto Satoyama, si è stabilito qui per creare le sue opere. In una giornata di inizio estate, parte su una BMW 320d xDrive M Sport alla ricerca di nuovi spunti, in un viaggio stimolante tra passato, tradizione artigianale e futuro.

Il 18 agosto 2022

Attiva le notifiche push

Mobilità innovativa, nuovi e avvincenti trend e un altissimo numero di giri: abbonati adesso alle notifiche per i nuovi contenuti.

L'abbonamento successo.

L'abbonamento fallito. Se hai bisogno di aiuto segui il link per il supporto.

Il protagonista: Jun Tomita

Jun Tomita, artista dedito alla tintura e alla tessitura, BMW 320d xDrive M SportJun Tomita, artista dedito alla tintura e alla tessitura, BMW 320d xDrive M Sport

Jun Tomita è un artista che si dedica alla tintura e alla tessitura, nato nella prefettura di Toyama nel 1951. Tinge e tesse personalmente i fili che usa per realizzare le tradizionali cinture obi giapponesi, solitamente indossate con i kimono, oltre che tappeti e arazzi. Dopo aver studiato e fatto pratica in Australia e in Inghilterra, è tornato in Giappone e nel 1982 si è stabilito a Koshihata, a ovest di Kyoto, dove ha aperto il suo studio. Il suo stile pacato, ponderato e multilivello, ispirato ai dipinti, riscuote grande apprezzamento sia in Giappone che all’estero.

Accompagnate Jun Tomita nel suo giro nel video

Jun Tomita, artista dedito alla tintura e alla tessitura, BMW 320d xDrive M SportJun Tomita, artista dedito alla tintura e alla tessitura, BMW 320d xDrive M Sport
La gioia come stimolo: un artista di Kyoto che si dedica alla tintura e alla tessitura esplora l’artigianato della regione di Saga Koshihata, a ovest della città, a bordo di una BMW Serie 3.
Emissioni di CO2 combinate 153-135 g/km
Consumo combinato 5,8-5,1 l/100km

Jun Tomita, artista di Kyoto dedito alla tintura e alla tessitura

Saga Koshihata si trova ai margini occidentali di Kyoto ed è nota per il suo paesaggio Satoyama (termine che in giapponese indica un’area compresa tra le pendici montane e le pianure coltivabili) con molte case dal tetto di paglia e un clima fresco in cui si coltivano grano saraceno e uva. Per questo motivo, l’area è chiamata anche “Shinshu di Kyoto” (dal nome dell’area di Shinshu, di straordinaria bellezza naturale, situata nella prefettura di Nagano, a ovest di Tokyo). In un villaggio nel cuore dell’idilliaco Satoyama, un’area considerata il paesaggio originale del Giappone, si trova lo studio dell’artista dedito alla tintura e alla tessitura Jun Tomita. Dal 1982 produce tessuti straordinari con texture diverse (➜ Leggete anche: Magia dei materiali) e colori sobri, basati sulla tecnica tradizionale del kasuri. I suoi singolari capolavori hanno attirato l’attenzione e ottenuto riconoscimenti ben oltre il Giappone, anche da parte del fondatore di Apple Steve Jobs, che ha acquistato due dei suoi arazzi.

The Village, Satoyama, Kyoto, JapanThe Village, Satoyama, Kyoto, Japan
La prima tappa del tour di Jun Tomita è “The Village”. Il luogo a nord-ovest di Kyoto, dove si promuove l’artigianato giapponese, è composto da sei edifici. Tra questi, un atelier tessile dove l’artista stesso si dedica regolarmente alla creatività e trasmette le sue conoscenze.

L’atelier è dedicato all’arte della tintura e della tessitura

Honda Silk Works, Jun TomitaHonda Silk Works, Jun Tomita
Nel laboratorio della Honda Silk Works, Jun Tomita sovrintende all’estrazione del filo dai bozzoli dei bachi da seta e alla sua lavorazione.

L’atelier aperto ha un passato “green”: prima della ristrutturazione, serviva originariamente come serra per la coltivazione dei ciclamini. Lo studio è abbastanza spazioso per consentire di stendere, ad esempio, un “9 Shaku”, una cintura obi da kimono lunga circa tre metri. Sul retro dell’atelier si trova anche una tintoria per i filati. Mayo Horinouchi, che lavora nella zona dal 2009, è un’artista emergente specializzata in scialli realizzati principalmente in lana.

Visita al laboratorio e alla casa dei titolari della Honda Silk Works

Honda Silk Works, Jun TomitaHonda Silk Works, Jun Tomita
Il filato ricavato dai bozzoli dei bachi da seta viene tinto con l’impiego di estratti naturali ricavati da piante e alberi.

I coniugi Honda hanno iniziato la loro carriera come tintori e tessitori dopo aver lavorato come allevatori di bachi da seta. Nel 2016 hanno seguito un apprendistato di due anni con Tomita prima di avviare la propria attività, la Honda Silk Works. Sentendosi come a casa a Koshihata, gli Honda hanno trasformato una vecchia casa di paglia nel loro laboratorio e nella loro residenza. Qui producono tessuti in armonia con la natura, svolgendo il filo dai bozzoli e tingendo il filato con colori naturali estratti da piante e alberi.

Quando ha fondato “The Village”, Tomita non aveva in mente solo l’insegnamento e la trasmissione delle tecniche tradizionali di tessitura e tintura. Piuttosto, doveva essere un’immagine fedele del significato della vita. Vivere, in fondo, equivale a fare delle cose: “Il lavoro è la vita stessa e nella quotidianità ci sono sia il “gioco” che l’“estetica”. Lavorare nel villaggio creativo ha lo scopo di risvegliare la sensibilità nei confronti delle sensazioni provate durante l’incontro con la natura e durante la produzione. Una consapevolezza più profonda dell’ambiente”. Raccogliere impressioni di questo tipo è fonte di ispirazione ed è per questo che Tomita parte per la prossima tappa del suo viaggio con la BMW Serie 3.

BMW 320d xDrive M SportBMW 320d xDrive M Sport
Jun Tomita in viaggio sulla BMW Serie 3.

Partenza da “The Village” alla volta di Kayabuki-no-Sato

Tomita guida la BMW 320d xDrive M Sport attraverso il variegato paesaggio. L’auto avanza dolcemente e senza fretta lungo tratti fiancheggiati da foreste che si alternano a colline e curve dal panorama spettacolare. La BMW Serie 3 è nel suo elemento e Tomita apprezza l’intreccio dinamico tra sportività e comfort: “Il veicolo si distingue per la sua reattività e l’accelerazione fluida non appena premo l’acceleratore. Inoltre, grazie alla sua stabilità sulle strade di montagna, emana la stessa calma delle mie opere d’arte”.

Jun Tomita, Hiroyuki Shindo, Museo dell’IndacoJun Tomita, Hiroyuki Shindo, Museo dell’Indaco
Al Museo dell’Indaco nel villaggio di Kayabuki-no-Sato, a nord di Kyoto, l’artista Jun Tomita, creatore di tessuti d’arte, incontra Hiroyuki Shindo (a sinistra) per saperne di più sui colori speciali.

Il museo d’arte dedicato all’indaco nel villaggio di Kayabuki-no-Sato

La prossima meta del viaggio in cerca di ispirazione è il piccolo museo d’arte dedicato all’indaco nel villaggio di Kayabuki-no-Sato, a nord di Kyoto. Lì, Jun Tomita vuole incontrare Hiroyuki Shindo, un tintore che utilizza l’indaco ed è suo amico da 50 anni, per saperne di più sui colori speciali.

Il museo d’arte privato (➜ Leggete anche: #ArtGirlRising – l'arte come megafono) espone una preziosa collezione di tinture in indaco raccolte in Giappone e all’estero da Hiroyuki Shindo. I visitatori possono sperimentare il fascino dei colori in un’antica casa di paglia. Con un po’ di fortuna, possono anche avere l’opportunità di assistere al processo di tintura nel laboratorio adiacente. In mostra anche “Shindigo Ball”, una delle opere rappresentative di Hiroyuki Shindo.

Jun Tomita, Koshihata, KyotoJun Tomita, Koshihata, Kyoto
La casa di Jun Tomita documenta il suo personale percorso di artigianato come un piccolo museo.

Ultima tappa: la casa di Jun Tomita

Dopo aver fatto il pieno di ispirazione, Jun Tomita intraprende il viaggio di ritorno, dopo aver visitato Hiroyuki Shindo. Lo accompagniamo a casa. Quando si è trasferito a Koshihata 40 anni fa, questa casa era in uno stato fatiscente, prima di essere gradualmente ristrutturata con grande cura per i dettagli. La cucina e gli altri oggetti fatti a mano conferiscono alla casa il fascino di un museo d’arte popolare. E questo aspetto corrisponde perfettamente alla realtà e in fondo testimonia una vita dedicata all’armonia della natura, alla tintura e alla tessitura. Uno stile di vita mosso da un motore speciale: passione e gioia.

Autore: Aya Honjo; Art: Shuma, Daisuke Abe; Foto: Ryusuke Honda (bird and insect ltd.); Video: bird and insect ltd