Per sapere di più su modelli, prodotti e servizi BMW:

BMW nel tuo paese

Scegli un altro paese

La pista da sci più incontaminata al mondo – No Man’s Land

4 MIN TEMPO DI LETTURA
Osano laddove nessuno è mai arrivato: una spedizione freeride in Antartide. 2 avventurieri, degli sci, 240 chili di attrezzatura e oltre 20 milioni di metri quadrati di ghiaccio e neve. Gli atleti BMW, Matthias Mayr e Matthias Haunholder, si preparano per il viaggio più estremo.

Freeride ai confini del mondo

“Quando ti succede qualcosa in Antartide, non puoi semplicemente attendere i soccorsi. Devi fidarti al cento percento delle tue abilità e della tua squadra”, afferma Mattias Haunholder poco prima di lasciare la comfort zone dell’Europa centrale insieme al suo compagno di lunga data Matthias Mayr. Partono per calpestare un terreno inesplorato e sciare per la prima volta sulle montagne più alte dell’Antartide.

Entrambi sono sciatori da spedizioni molto esperti ed esploratori instancabili delle regioni montuose più remote di questo mondo. Sanno il significato di No Man’s Land: “Una spedizione nel posto più freddo del mondo. Al centro del più grande punto bianco del planeta. Circa 200 chilometri di sci escursionistico fuori pista per raggiungere le montagne. E poi salire sulla cima più alta del continente.”

Se non c’è vento, dobbiamo percorrere l’intero itinerario con gli sci e ognuno di noi deve trascinare più di centro chilogrammi di attrezzatura su una slitta. Questo può durare due settimane o anche più.

Alla ricerca dell’estremo

No Man’s Land non è una spedizione come le altre. Ma nemmeno Matthias Mayr e Matthias Haunholder sono i soliti avventurieri. I due sciatori-avventurieri e cineasti, provenienti dal Tirolo, sono tra i freerider di maggior successo della loro generazione. I loro viaggi li conducono nelle regioni più remote di questo mondo, come il loro recente viaggio sull’isola vulcanica deserta di Onekotan, che fa parte dell’arcipelago, ostile e spazzato dal vento, del gelido Oceano Pacifico tra Russia e Giappone. La loro ultima spedizione li ha condotti laddove nessun uomo era mai arrivato finora.

Allenamento e preparazione per conquistare l’eterno ghiaccio

Una spedizione sciistica in Antartide richiede più che eccellenti capacità nello sci fuori pista. I due avventurieri stanno pianificando nel dettaglio il No Man’s Land da 15 mesi. Quanto cibo è necessario se una tempesta di neve dura più di una settimana? Cosa fare se qualcuno cade in un crepaccio? Qual è il modo più efficiente per affrontare le lunghe distanze?

Per poter arrivare in Antartide, entrambi gli sciatori hanno dovuto apprendere tecniche completamente nuove. Una delle più importanti è il kitesurf, che dovrebbe consentire a entrambi di dominare lunghe distanze sugli sci.

E così, alcuni mesi prima del loro viaggio, i due atleti hanno appreso le basi del kitesurf nel sud della Spagna. “Se non c’è vento, dobbiamo percorrere l’intero itinerario con gli sci e ognuno di noi deve trascinare più di centro chilogrammi di attrezzatura su una slitta. Questo può durare due settimane o anche più. Se il vento soffia a favore, possiamo usare il kite e raggiungere la meta anche in pochi giorni.”

Prove a -60° gradi

I due partner hanno approfittato della camera fredda della BMW per testare i limiti di ciascun componente dell’attrezzatura a temperature estreme. Il fatto che l’attrezzatura funzioni o no durante una spedizione non ha a che fare con il comfort. “È sempre necessario avere pezzi di ricambio per ogni oggetto importante dell’attrezzatura: maschera da neve, attacchi, sci. Lì non ci saranno negozi dove poter acquistare pezzi nuovi.”

Una spedizione verso l’ignoto

Già il viaggio per arrivare fin lì è una missione in sé. “Arriviamo in aereo fino a Buenos Aires, poi guideremo fino al punto più meridionale dell’America del Sud a bordo della BMW X3 con tutta l’attrezzatura necessaria per conquistare l’eterno ghiaccio. Da qui rimedieremo un passaggio per l’Antartide a bordo di uno dei regolari voli di rifornimento.“ Dove inizia il vero viaggio. “E qui inizia il nostro salto nel buio”, dice Matthias Haunholder.

Non si può prevedere quello che si troverà alla fine del viaggio. Di sicuro ci saranno montagne innevate, pendii vergini e crepacci nel ghiaccio. “Quando le persone pensano all’Antartide, molti si immaginano solo delle distese infinite di ghiaccio, ma la vetta più alta supera addirittura il Monte Bianco.” I due partner vogliono dimostrare che è possibile sciare anche su queste ripide montagne, anche se molti sciatori estremi esperti affermano che vi siano poche possibilità di effettuare ottime discese poiché c’è troppo ghiaccio ed è troppo estremo.

E il rischio?

“Siamo atleti che affrontano i rischi con assoluta serietà”, afferma Matthias Mayr. “Non siamo dei semplici freerider: noi sappiamo gestire soprattutto il rischio. Quando sei lì fuori, devi essere pronto a reagire ogni secondo alle situazioni inaspettate.”

Il tempo e i crepacci nel ghiaccio sono le due più grand incognite. Possono rendere il viaggio unico e piacevole oppure trasformalo in un inferno ai confini del mondo. “Quando si avvicina una tempesta, la temperatura può scendere subito a -50 gradi o al di sotto. L’unico rifugio è la nostra tenda”, afferma Matthias Haunholder.

Se la tempesta dura una settimana, diventa davvero difficile”. I due sorridono. “Noi partiamo dal presupposto che dovremo affrontare alcune situazioni difficili. Metteremo alla prova i nostri limiti. Una cosa è certa: raggiungeremo il livello successivo sotto ogni aspetto.

Ritorno a casa – leggi tutta la storia sulla spedizione.

Retroscena

Matthias Mayr, anno 1981, e Matthias „Hauni“ Haunholder, anno 1979, sono due freerider professionisti austriaci e atleti BMW, che si sono fatti un nome soprattutto grazie alle spettacolari spedizioni sciistiche nelle regioni montane più remote. Durante il loro viaggio in Antartide saranno accompagnati dal cameraman Johannes Aitzetmüller, con il quale hanno già realizzato alcuni film come “The White Maze” o “Auf den Spuren der Ersten”.

ESCI DALLA COMFORT ZONE.

BMW X3: Carattere offroad e funzionalità extra di classe superiore.

Scopri di più
Cookies

Usiamo i cookie per ottimizzare questo sito web e aggiornarlo continuamente a seconda delle tue preferenze. Per ulteriori informazioni sull’uso dei cookie su questo sito web, fai click su “Cookie”. Se fai click su “Si, accetto” i cookie verranno attivati. Se non vuoi che vengano attivati, puoi escluderli qui . I settaggi possono essere modificati in qualsiasi momento nell’area “Cookie”.