Per sapere di più su modelli, prodotti e servizi BMW:

BMW nel tuo paese

Scegli un altro paese

Oh Carolina!

5 MIN TEMPO DI LETTURA

Carolina del Sud da vedere: tra molteplicità e paesaggi mozzafiato.

Lo Stato nel Sud-Est degli Stati Uniti vi conquisterà con i suoi paesaggi da sogno, le peculiarità culturali e gli edifici forieri di storia, simboli del suo movimentato passato. Da non dimenticare è la squisita cucina degli Stati del Sud, che ritrae in piatti incredibilmente deliziosi l’atmosfera di questo angolo di Terra. Seguiteci in questo viaggio, dai Monti Blue Ridge alla pittoresca East Coast, attraverso il cosiddetto “Stato delle Palme”, la Carolina del Sud.

I MONTI BLUE RIDGE

Godetevi le albe favolose sopra i Monti dei Blue Ridge.
Favolosa vista dai Monti Blue Ridge sul lago Jocassee.

Il nostro viaggio attraverso la Carolina del Sud da vedere comincia nel montuoso Nord-Ovest.‏ Qui gli spettacolari Monti Blue Ridge, una catena montuosa che attraversa diversi Stati e che fa parte dei Monti Appalachi, incontrano lo Stato delle Palme, la Carolina del Sud.

La catena del Blue Ridge rappresenta, con i 1085 metri del monte Sassafras, il rilievo più alto della Carolina del Sud. Questo monte prende il nome dal Sassafras albidum, o Sassafras officinale, albero chiamato comunemente sassafrasso.    

Si dovrebbe prendere in considerazione di salire fino alla cima, in quanto ad attendere gli escursionisti vi è un’attrazione speciale: il South Carolina Department of Natural Resources, il Dipartimento di Risorse Naturali della Carolina del Sud, vi ci sta costruendo una piattaforma panoramica con apertura prevista alla fine dell’estate 2018. Nelle giornate limpide dovrebbe offrire una vista panoramica su quattro Stati: la Carolina del Sud, la Carolina del Nord, la Georgia e il Tennessee.

PIEDMONT

Al centro del parco statale Table Rock State Park si trova l’idilliaco lago Oolenoy.

Abbandoniamo la catena montuosa, dirigendoci a sud-est verso la costa, e raggiungiamo il Piedmont. Il nome di questa regione ad altopiano deriva dal francese pied, ovvero “piede”, e mont, che significa “monte”: infatti il Piedmont, si trova ai piedi del Blue Ridge.

Nel Piedmont sono situate città importanti per l’economia della Carolina del Sud, come Greenville, Greer e Spartanburg, le quali ospitano principalmente industrie automobilistiche. Il Gruppo BMW, con il suo stabilimento a Spartanburg, gestisce qui il suo impianto più grande a livello mondiale con 9 mila dipendenti. In questo stabilimento vengono prodotti esclusivamente modelli BMW della gamma X, pertanto Spartanburg è definita anche come “Home of the X”, “la Casa della X”.    

Spartanburg: “la Casa della X”.
I successi del Gruppo BMW negli Stati Uniti non sarebbero possibili senza l’apertura mentale e il calore della popolazione dello Stato del Sud Carolina.
Harald Krüger

Presidente del CdA BMW AG 

Ma Spartanburg è un luogo da visitare soprattutto per gli appassionati di musica: qui si esibiva una delle più note personalità del Piedmont blues, Pink Anderson, omaggiato inoltre dai Pink Floyd con il nome della loro band. Il Piedmont blues si occupa, a differenza del deep blues, soprattutto di temi relativamente leggeri tratti dalla quotidianità. Chi desidera approfondire il tema ulteriormente può seguire lo Spartanburg Music Trail che racconta la storia musicale del luogo in diverse stazioni durante una passeggiata per la storica Spartanburg.    

Natura pura nel Table Rock State Park.

Da non perdere per chi visita la regione è anche la strada panoramica Cherokee Foothills Scenic Highway (SC 11). Questa strada vi condurrà attraverso dolci colline e romantiche valli. Lungo il percorso sono presenti numerosissime possibilità per fare brevi escursioni, ad esempio attraversando i due parchi statali del Table Rock e del Caesars Head con sentieri emozionanti su ponti sospesi e viste su fragorose cascate, che vi ripagheranno di tutto.    

SANDHILLS

La capitale della Carolina del Sud merita decisamente di essere visitata.

Proseguiamo verso la capitale dello stato della Carolina del Sud, Columbia. La città prende il nome da Cristoforo Colombo e, con i suoi quasi 134.000 abitanti, si trova al centro della regione delle Sandhills, una striscia di terra che si distingue per le ampie aree di sabbia. 

Animali rari e storia emozionante: le Sandhills vi conquisteranno in tanti modi diversi.

Una tappa obbligata è il South Carolina State Museum. Ne saranno soddisfatti tutti coloro che desiderano comprendere il passato dello Stato. Il museo racconta con le migliaia di oggetti in esposizione i momenti più alti del XX secolo, l’epoca delle due guerre americane e della colonizzazione, così come narra le condizioni di vita dei primi nativi americani del Sud Carolina 14 mila anni fa.

Chi invece preferisce la natura, lasci Columbia e segua la United States Highway 1 (US 1), in direzione nord-est. Proprio in mezzo alla regione di confine tra le colline e la pianeggiante costa del Sud Carolina, si trovano alcuni punti che meritano una sosta: il rifugio nazionale faunistico Carolina Sandhills National Wildlife Refuge, dove gli amanti del bird-watching possono osservare la specie minacciata del picchio della coccarda, e il Cheraw State Park. Qui giungono soprattutto gli appassionati di golf, in quanto il campo da 18 buche del Cheraw State Park è un vero piacere golfistico, con le sue generose fairway, i dolci declivi dei green e il lago Juniper a fare da sfondo. 

LA PIANURA COSTIERA

Grand Strand: infinite spiagge di sabbia simbolo della regione costiera della Carolina del Sud.

Ancor più campi da golf attendono i visitatori del Sud Carolina nella pianura costiera dello Stato. Solamente sull’Hilton Head Island, davanti alla costa atlantica, ne sono presenti più di 20. Nella Carolina del Sud da vedere è anche la costa, la cui magia non attrae solamente i fan del golf.  Gli amanti delle lunghe passeggiate sulla spiaggia saranno accontentati a Myrtle Beach, mentre gli appassionati di storia possono proseguire fino a Charleston e allo storico Fort Sumter.    

Gli infiniti colori del cuore cittadino di Charleston.
La cucina degli Stati del Sud vi delizierà con degli squisiti stufati.

Le eccellenti specialità gastronomiche sono un’altra ragione per la notorietà di Charleston. Una menzione speciale merita la cucina Gullah, con le sue origini nell’Africa Occidentale, molto diffusa dalle parti di Charleston dal tempo della schiavitù. Un esempio: immaginatevi di essere in fila da Bertha’s Kitchen in Meeting Street Road 2332. In questo ristorante, aperto nel 1979, un piatto di zuppa d’okra (un denso stufato di gombo, pomodori e carne di maiale), vi farà perfettamente gustare la storia gastronomica della Carolina del Sud. La James Beard Foundation, che ogni anno premia i ristoranti per la loro autenticità regionale, ha insignito nel 2017 il Bertha’s Kitchen dell’ambito America’s Classic Award. Un’ulteriore specialità della cucina di Charleston è il Lowcountry Boil, uno stufato di gamberi, salsiccia, patate e mais.    

Per concludere il nostro viaggio attraverso la Carolina del Sud vi sveliamo un’ultima interessante curiosità: qui trova le sue origini anche il ballo del Charleston, divenuto famoso grazie a Josephine Baker negli anni Venti.  

Lo stabilimento BMW di Spartanburg

Lo stabilimento BMW Spartanburg, a Greer nel Sud Carolina, è il più grande impianto del Gruppo BMW del mondo. Ogni giorno vengono prodotti qui circa 1400 veicoli BMW X3, BMW X4, BMW X5 e BMW X6. Al momento lavorano nello stabilimento di Spartanburg più di 9 mila persone. E sempre qui a Spartanburg BMW ha un piano di investimenti fino al 2021 per ulteriori 600 milioni di Euro. Ora l’impianto si sta preparando per la produzione della BMW X7 che arriverà sul mercato alla fine del 2018.  

Dichiarazione dalla Home of the X.

La nuova BMW X5.

Scopri di più
Cookies

Usiamo i cookie per ottimizzare questo sito web e aggiornarlo continuamente a seconda delle tue preferenze. Per ulteriori informazioni sull’uso dei cookie su questo sito web, fai click su “Cookie”. Se fai click su “Si, accetto” i cookie verranno attivati. Se non vuoi che vengano attivati, puoi escluderli qui . I settaggi possono essere modificati in qualsiasi momento nell’area “Cookie”.