BMW

Per sapere di più su modelli, prodotti e servizi BMW:

BMW e un futuro da toccareBMW e un futuro da toccare

BMW e un futuro da toccare

9 min tempo di lettura
Il designer BMW Felix Staudacher mostra nuovi e accattivanti modi di interagire con la tecnologia attraverso il tatto, mentre l'esperto di robotica BMW Mohsen Kaboli descrive come il veicolo stesso impari a sentire attraverso una "intelligenza tattile".

Il 13 febbraio 2024

Rimanere sempre aggiornati

Mobilità innovativa, nuovi e avvincenti trend e un altissimo numero di giri: abbonati adesso alle notifiche per i nuovi contenuti.

L'abbonamento successo.

L'abbonamento fallito. Se hai bisogno di aiuto segui il link per il supporto.

Mohsen Kaboli ha conseguito il dottorato presso la cattedra di Robotica e Intelligenza Artificiale dell'Università Tecnica di Monaco di Baviera ed è attualmente titolare di 20 brevetti. Lui e il suo team di Garching bei München hanno lavorato per cinque anni alla ricerca del senso umano del tatto e alla sua ricreazione digitale. A Garching ha sede la divisione "Early Phase Development" del BMW Group. Gli uffici qui non hanno porte, ma portoni di garage. Invece di nomi e abbreviazioni, sono etichettati con termini come "Abitacolo del futuro" (➜ Leggete anche: BMW Vision Nuova Classe: vivere il futuro ora) . Dietro ci sono prototipi e studi di design, occhiali VR, schizzi, campioni di tessuto, volanti e leve del cambio.

Mohsen KaboliMohsen Kaboli
Il tatto è il primo e più importante senso umano con cui percepiamo l'ambiente che ci circonda.
Mohsen Kaboli

Head of RoboTact Team & BMW AI Robotic Lab at BMW Group

Che cosa rende il senso del tatto così speciale da spingere i ricercatori a ricrearlo digitalmente? Il senso del tatto si sviluppa prima di tutti gli altri sensi nel grembo materno, già a sette-otto settimane. Il tatto è il nostro contatto con il mondo: ne abbiamo bisogno per sentire i limiti del nostro corpo e per imparare la propriocezione, ossia la consapevolezza di dove ci troviamo noi e quanto percepiamo. Anche se una persona è cieca dalla nascita, può usare il senso del tatto per percepire la forma, il peso e la consistenza degli oggetti, creando così nel proprio cervello un'immagine tridimensionale realistica dell'oggetto che sta toccando. Ciò è garantito da milioni di recettori presenti sotto la pelle, il nostro più grande organo sensoriale. Essi percepiscono ogni stimolo, reagiscono alle differenze di pressione, vibrazioni, tatto, calore e freddo, misurano lo stimolo e trasmettono le informazioni al nostro cervello per l'elaborazione.

Senza il tatto non saremmo in grado di orientarci nel mondo, anche se possiamo vedere, ascoltare, odorare e gustare. Il tatto è fondamentale anche per il pensiero e l'intelligenza: nella prima infanzia, infatti, ci permette di distinguere gli oggetti gli uni dagli altri e di comprendere le relazioni astratte.

Accarezzando questo tessuto jacquard, emerge la sua intelligenza tattile e può essere attivato come un touchscreen per svolgere determinate funzioni.Accarezzando questo tessuto jacquard, emerge la sua intelligenza tattile e può essere attivato come un touchscreen per svolgere determinate funzioni.

Accarezzando questo tessuto jacquard, emerge la sua intelligenza tattile e può essere attivato come un touchscreen per svolgere determinate funzioni.

Perché la guida deve soddisfare tutti i sensi

Felix Staudacher è responsabile della progettazione degli elementi di comando di tutti i marchi del BMW Group. Gli elementi di controllo sono interruttori, manopole, leve e pulsanti. Tutto ciò che può essere premuto, tirato o ruotato all'interno del veicolo. È anche responsabile del design dell'illuminazione e dell'esperienza olfattiva nei veicoli. "Quanti più sensi si richiamano, tanto più intensa è l'esperienza. Se riusciamo a sollecitare tutti e sette i sensi, l'esperienza si radica emotivamente", afferma.

Le auto sono prodotti emozionali. Le persone trascorrono molto tempo a bordo. Staudacher vuole progettare i dettagli dell'auto in modo che diventino esperienze. Ideare superfici e materiali con i quali si desidera interagire, che si vogliono toccare. E toccare deve essere un piacere.

Felix StaudacherFelix Staudacher
Se limitiamo un prodotto a soddisfare solo uno scopo immediatamente ovvio, significa che non sarà un prodotto emozionale.
Felix Staudacher

Head of Physical User Experience at BMW Group

Cosa rende un prodotto un prodotto emozionale? Dipende dalle associazioni che evoca. "Tutti noi abbiamo un certo istinto ludico", dice. In tutti noi c'è ancora un bambino. Si vede nei piccoli gesti: molte persone giocano con le punte dei capelli quando pensano. Tamburellano con le dita sul tavolo. Giocano con le mani. Dondolano i piedi. I gesti che compiamo inconsciamente hanno spesso una componente emotiva consapevole. La loro importanza non deve andare persa con il progresso digitale. Tutti noi abbiamo bisogno di percepire. Di toccare, di emozionarci, di giocare in mezzo alla vita di tutti i giorni. Lo stesso deve accadere a bordo di un’auto.

Il prototipo di un volante in cui la tecnologia rimane sullo sfondo e le funzioni appaiono solo al momento dell'utilizzo.Il prototipo di un volante in cui la tecnologia rimane sullo sfondo e le funzioni appaiono solo al momento dell'utilizzo.

Il prototipo di un volante in cui la tecnologia rimane sullo sfondo e le funzioni appaiono solo al momento dell'utilizzo.

Piacere al tatto

Come si fa a trovare questi materiali che ci piace toccare e come li si usa in auto? Per rispondere a questa domanda, spiega Staudacher, bisogna innanzitutto allontanarsi dalla pura funzionalità. Cerca prima di tutto l'estetica di un materiale e non i vantaggi che ne derivano. Solo allora si guarda a dove può essere usato in modo ottimale. È così che è stato creato l'esclusivo iDrive Controller nella console centrale della BMW iX. L'alluminio e la plastica sarebbero stati la scelta più ovvia, trattandosi "solo" di un interruttore rotante. Invece, per il pannello di controllo centrale Staudacher ha optato per una superficie in legno. E per un vetro di cristallo lucido sulla parte superiore. Il legno e il vetro sono superfici che ci piace toccare. Per molti sono anche molto eleganti.

La combinazione di legno e vetro nell'iDrive Controller della BMW iX è particolarmente interessante per il nostro senso del tatto.La combinazione di legno e vetro nell'iDrive Controller della BMW iX è particolarmente interessante per il nostro senso del tatto.

La combinazione di legno e vetro nell'iDrive Controller della BMW iX è particolarmente interessante per il nostro senso del tatto.

Design e sicurezza da toccare con mano

La sensazione che caratterizza il design di Staudacher è ciò che il suo collega BMW Mohsen Kaboli vuole implementare nel veicolo con l'aiuto dell'intelligenza artificiale. Si tratta di semplicità e comfort, trasmessi attraverso e con la tecnologia. Staudacher e Kaboli sono uniti dal desiderio di preservare l'umanità e le nostre emozioni nello spazio digitale, lontano dalla pura funzionalità ed efficienza e verso la migliore esperienza possibile per tutti i sensi.

Staudacher e Kaboli perseguono lo stesso obiettivo, muovendo da mondi di pensiero diversi: desiderano integrare il digitale nei materiali analogici. Ad esempio, avvolgendo i sensori nel tessuto o incorporando effetti LED nelle superfici in legno. "La modernità può nascere anche quando manca qualcosa che conosciamo, o quando si uniscono cose che prima erano a se stanti", afferma Staudacher.

Come la luce e il tessuto. All'interno del veicolo la luce ha un nuovo ruolo: se in passato, serviva a illuminare qualcosa, a visualizzare informazioni, oggi interagiamo essa, rendendola un elemento che emoziona e crea un'atmosfera, oltre a creare un effetto estetico. "Cerchiamo di liberarla dallo schermo. Luce e tessuto insieme diventano qualcosa di nuovo". Vuole abbandonare gli schermi tattili e le superfici fredde per passare a tappeti luminosi, lamine e fibre illuminate negli elementi di comando come maniglie, interruttori e manopole. "Cosa succederebbe se quando si muove la mano sul cruscotto la luce iniziasse a seguire il movimento?", riflette Staudacher. "Nessuno potrebbe resistere a giocarci".

In questo studio di design, l'accattivante intreccio di strutture diverse è esaltato da un vivace gioco di luce che brilla attraverso il rivestimento tessile della console centrale.In questo studio di design, l'accattivante intreccio di strutture diverse è esaltato da un vivace gioco di luce che brilla attraverso il rivestimento tessile della console centrale.

In questo studio di design, l'accattivante intreccio di strutture diverse è esaltato da un vivace gioco di luce che brilla attraverso il rivestimento tessile della console centrale.

Una tecnologia in funzione delle persone

Mohsen Kaboli sta perseguendo una missione simile per quella che chiama "umanizzazione della tecnologia". In questo caso, però, si avvale di sensori anziché di elementi luminosi. Sta sviluppando un sedile cognitivo che sarà presente nei veicoli BMW nel giro di pochi anni. Il sedile ha l'aspetto di un tradizionale sedile per auto. Tuttavia, l'intera superficie del sedile e la relativa console centrale sono dotate di migliaia di sensori tattili che riproducono il senso del tatto umano. Reagiscono al tatto, alla pressione e alle differenze di temperatura. Un seggiolino auto dotato di sensori tattili riconosce l'esatta posizione e dimensione di gambe, schiena e spalle e la distribuzione del peso corporeo.

Se si fornisce a questi sensori un database e li si dota di intelligenza artificiale, essi prendono vita. Il sedile riconosce quindi se un passeggero adotta una postura scorretta o ha problemi ortopedici e corregge automaticamente la posizione di seduta. Rileva se l'occupante suda o ha freddo e regola la temperatura di conseguenza, individualmente per ogni zona del corpo.

Il segreto di questa superficie tattile e intelligente risiede nei sensori sensibili alla pressione intrecciati, una sorta di pelle elettronica per l'interno dell'auto.Il segreto di questa superficie tattile e intelligente risiede nei sensori sensibili alla pressione intrecciati, una sorta di pelle elettronica per l'interno dell'auto.

Il segreto di questa superficie tattile e intelligente risiede nei sensori sensibili alla pressione intrecciati, una sorta di pelle elettronica per l'interno dell'auto.

L'interazione tra uomo e macchina

"In futuro, il bracciolo sarà in grado di misurare le pulsazioni, la pressione sanguigna e la temperatura corporea", spiega Kaboli. Parla di "Human-Robot Collaboration". Questa tecnologia viene già utilizzata oggi nella tecnologia medicale. Il senso del tatto di una protesi, creato da una macchina, è un'estensione del proprio senso del corpo. "Voglio che le persone perdano la paura dell'intelligenza artificiale e si rendano conto che può aiutarci", spiega Kaboli. Mohsen Kaboli e Felix Staudacher concordano sul fatto che il futuro appartiene a noi umani, non alle macchine.

Autore: Verena Beck; Art: Lucas Lemuth, Verena Aichinger; Fotografie: Amos Fricke, Roderick Aichinger

BMW VISION NEUE KLASSEBMW VISION NEUE KLASSE

BMW VISION NEUE KLASSE

Continua a leggere

Il nostro tool per la gestione del suo consenso all’utilizzo dei nostri cookie è al momento offline.
Possono pertanto mancare alcune funzioni che richiedono il suo consenso all’utilizzo dei cookie.