Visualizzare l’invisibile

8 min tempo di lettura
Alla nota fiera d’arte svizzera Art Basel 2022, Superblue e BMW i presentano “Pulse Topology” di Rafael Lozano-Hemmer. L’installazione immersiva integra i visitatori nell’opera d’arte, un approccio antropocentrico all’innovazione tecnologica che riflette la sensibilità della nuova BMW i7.

Il 15 giugno 2022

Attiva le notifiche push

Mobilità innovativa, nuovi e avvincenti trend e un altissimo numero di giri: abbonati adesso alle notifiche per i nuovi contenuti.

L'abbonamento successo.

L'abbonamento fallito. Se hai bisogno di aiuto segui il link per il supporto.

Le installazioni artistiche di Rafael Lozano-Hemmer trasformano il pubblico in un elemento integrante dell’opera stessa.

Passato dall’essere il primo artista a rappresentare il Messico alla Biennale di Venezia a tenere conferenze in prestigiose università come Princeton e Harvard, Rafael Lozano-Hemmer si è costruito una carriera straordinaria. Ponendosi nel punto d’intersezione tra architettura e performance art, Rafael utilizza telecamere, microfoni, sensori e sistemi di tracciamento per far sì che le sue opere percepiscano il pubblico e rispondano ai suoi input. Invece di celebrare la tecnologia, queste creazioni spesso guardano con occhio critico al nostro presente. Vengono affrontati ripetutamente temi quali lo scrupoloso trattamento dei dati, l’onnipresenza della sorveglianza digitale e le sfide sociali che ne derivano. È un approccio che è stato premiato con numerosi riconoscimenti.

Collaborazione animata da un approccio antropocentrico

Negli ultimi 25 anni, lo studio di Lozano-Hemmer si è dedicato all’uso sperimentale della tecnologia nell’arte. Allo stesso modo, l’eccellenza tecnica di BMW è stata influenzata dal rapporto di lunga data dell’azienda con l’arte contemporanea. Una collaborazione tra i due approcci potrebbe creare un team unico e complementare?

Per la sua prima collaborazione con gli ingegneri e i designer BMW, Rafael si è ispirato all’approccio antropocentrico alla luce, al suono e alle informazioni della nuova BMW i7, un approccio che adotta anche con la sua arte. Ad Art Basel, Lozano-Hemmer esporrà un’opera che utilizza una nuova tecnologia senza contatto per rilevare il battito dei visitatori e renderli parte integrante dell’opera. “Pulse Topology” è un ambiente immersivo di luci e suoni che si attiva con il battito cardiaco registrato di ogni visitatore. L’installazione è composta da 6.000 lampadine scintillanti, sospese a diverse altezze, che creano un paesaggio intimo di crinali e valli che i visitatori sono invitati ad attraversare.

L’interazione tra uomo e macchina

In seguito al dialogo con BMW, ad Art Basel, Lozano-Hemmer utilizzerà la stessa tecnologia fotopletismografica che attiva la “Pulse Topology” per trasformare gli interni della BMW i7 utilizzando i battiti cardiaci dei passeggeri. Gli impulsi rilevati controlleranno le luci, il suono via Bluetooth e la grafica computerizzata presentata sul display panoramico dell’auto. Questa relazione simbiotica può essere vista come un’estensione dell’uso della luce da parte della BMW i7 per creare una connessione significativa con il guidatore e i passeggeri, dalle luci che rispondono alla loro presenza ai diversi ambienti sensoriali che riflettono il loro stato d’animo. Questo nuovo approccio progettuale è la punta di diamante della nuova concezione che BMW ha del lusso, che sarà caratterizzata da stimolanti innovazioni nel campo della sostenibilità e della digitalizzazione.

Nel bel mezzo dei preparativi per Art Basel, in Svizzera, (➜ Leggete anche: Come si diventa collezionista d’arte), Lozano-Hemmer ha trovato il tempo per spiegare l’enfasi del suo lavoro e i legami tra l’approccio del suo team e il lavoro di ricerca e design di BMW.

Superblue e BMW i presentano:

“Pulse Topology” di Rafael Lozano-Hemmer

Come possiamo creare oggetti, esperienze o auto che cercano di immaginare un mondo migliore di quello che abbiamo?
Rafael Lozano-Hemmer

Media Artist

Signor Lozano-Hemmer, lei è nato in Messico, ha studiato chimica fisica in Canada ed è interessato in egual misura alla scienza e all’arte. Come combina questi diversi background ed esperienze nella sua pratica professionale?

Sono laureato in una materia scientifica e, nel mio studio, circa la metà del nostro staff è composta da programmatori, progettisti elettronici, designer industriali o ingegneri meccanici: insomma, siamo molto orientati verso la scienza. L’altra metà è formata da compositori, architetti, storici dell’arte e artisti. È un mix interessante, perché gli artisti sono tutti piuttosto nerd e gli ingegneri sono tutti molto creativi.

Mi piace il concetto di creare opere d’arte che siano incomplete, sperimentali e che costituiscano spesso interventi occasionali, più simili a performance nell’ambito delle arti visive. Come nella scienza, il risultato di un esperimento può essere sorprendente! La mia idea di base è che l’opera d’arte non esista senza la partecipazione e che debba essere fuori dal mio controllo. Naturalmente, questa non è una mia idea. In realtà, è un concetto vecchissimo. La maggior parte delle mie opere utilizza strumenti tecnologici come sensori, telecamere e microfoni che catturano i partecipanti. In questo senso, le opere d’arte sono consapevoli.

Imparare quali esperienze ci rendono unici come esseri umani è una cosa, ma secondo lei cos’è che ci unisce? Come si relaziona con gli ingegneri e i progettisti di BMW con i quali ha recentemente avuto uno scambio di idee?

Le persone spesso creano relazioni quando condividono un’esperienza. L’arte riunisce le persone per vivere un’esperienza memorabile. Ci sono molti punti di contatto tra ciò che facciamo qui in studio e ciò che i designer e gli ingegneri di BMW incontrano nel loro lavoro quotidiano di ricerca e sviluppo. La “centralità dell’uomo”, come viene chiamata in BMW, o “l’arte della partecipazione”, come la chiamiamo noi, è il punto centrale per entrambi. Siamo uniti dal fatto che creiamo esperienze per le persone e abbiamo un punto di vista radicalmente empirico. Ciò significa che non si tratta di progetti che emergono in un futuro utopico, ma di qualcosa che è attuabile in una situazione tangibile oggi. Abbiamo anche una certa chiarezza in comune. Penso che la bellezza derivi dall’esclusione di alcune possibilità, da un’attenta ed elegante moderazione. E poi c’è un altro aspetto comune che trovo importante: la sostenibilità. Mi piace che la mia collaborazione con BMW arrivi in un momento in cui il marchio si sta muovendo con decisione verso la sostenibilità. Siamo tutti fortemente intenzionati a garantire un futuro affrontando i problemi di oggi.

La partecipazione del pubblico è fondamentale per il suo lavoro. Ha mai temuto che le componenti tecniche della sua arte potessero essere un po’ eccessive?

Viviamo in una cultura tecnologica. La tecnologia non è uno strumento, ma un linguaggio e ritengo che sia una realtà inevitabile dell’era globalizzata. Quando uso la tecnologia, voglio rivelare i meccanismi coinvolti nell’uso dei computer, per esempio. Metto anche in discussione la presunta neutralità di queste macchine. Il mio lavoro si colloca al confine tra la seduzione della partecipazione e la responsabilizzazione dell’utente, ma anche la consapevolezza del fatto che siamo complici di questa tecnologia che traccia il visitatore e che è necessario osservarla per poter riflettere sul tipo di società che vogliamo.

Consumo di elettricità: 19,6 - 18,4 kWh/100km (WLTP)
Autonomia elettrica: 591 – 625 km (WLTP)
(Tutte le cifre sono valori preliminary)    

Stare in mezzo a un’opera d’arte fatta di 6.000 lampadine è uno stimolo o un momento di isolamento?

Entrambi! L’aspetto interessante di “Pulse Topology” è che scansionando, riconoscendo e tracciando, stiamo cercando di acquisire dati individuali, in questo caso biometrici: l’elettrocardiogramma di una persona. Si tratta di informazioni molto private. Ma se le mettiamo insieme ai battiti cardiaci di tutti gli altri partecipanti, otteniamo un coro. E la somma dei singoli battiti cardiaci è più interessante del singolo, perché ora si è trasformato un ritratto in un paesaggio. Ci si sente circondati dalla vita. La prima volta che ho realizzato un’opera d’arte con i battiti del cuore, mia moglie era incinta di due gemelli. Essendo un nerd, ho chiesto due ecografi per poter sentire in diretta i battiti del cuore del bambino e della bambina nello stesso momento. Erano completamente diversi. Producevano ritmi a volte in fase e a volte in antifase, come la musica minimalista di Philip Glass o Steve Reich. Mi è venuta l’idea di prendere i battiti del cuore di molte persone e renderli tangibili in uno spazio, circondato da questi ritmi. “Pulse Topology” è il culmine di una serie di opere d’arte che cercano di creare esperienze simili a concerti con centinaia o migliaia di battiti cardiaci in contemporanea. Il partecipante si trova in mezzo a una miriade di segni vitali e allo stesso tempo diventa riflettente perché ogni registrazione cancella una registrazione precedente. Ci ricorda che resteremo in quello spazio solo per poco tempo. È un memento mori.

“Pulse Topology” rende l’invisibile, il battito umano, visibile. Come ha detto, questo progetto artistico si è evoluto continuamente nel corso di molti anni, utilizzando la luce come mezzo di definizione. Secondo lei, cosa lo rende così intrigante?

Adoro il fenomeno della luce perché è esso stesso materia schizoide. È sia una particella che un’onda. E a seconda di come la guardiamo, si comporta in uno di questi due modi. È piuttosto sfuggente. “Pulse Topology” utilizza 6.000 lampadine tutte uguali. Ma il comportamento di ciascuna di esse è molto diverso a seconda del partecipante: non solo rileviamo la frequenza cardiaca, ma il sistema tiene traccia anche di variabili come l’attività sistolica e diastolica e le utilizza per creare schemi di luce unici. Durante la mia visita alla BMW di Monaco, ho trovato intrigante vedere l’uso della luce all’interno e all’esterno della nuova BMW i7. L’auto è uno spazio immersivo che ha una certa morbidezza e un’aura che porta nella sfera pubblica. Mi congratulo con i progettisti soprattutto per la sobrietà nell’uso dei vari tipi di luce. È complesso constatare quanto spesso le luci che cambiano colore siano usate a caso: nelle auto, nelle città, in ogni cosa. L’eleganza deriva da ciò che non si fa. Quali movimenti e quali effetti luminosi scegliere è una decisione di design molto specifica, che è meglio prendere con misura e studiando maestri come Josef Albers. Ammiro molto il fatto che, a differenza di tutte le altre auto sfavillanti che cambiano colore, la BMW i7 non sembri interessata a infinite possibilità. È interessata a creare una serie ben curata e selezionata di esperienze luminose in cui una persona possa immergersi. Questa sobrietà è più interessante dell’infinito. È ciò che dà carattere e luminosità all’auto.

Questo tipo di progresso tecnologico non è scontato; è il risultato di un duro lavoro di appassionati che ragionano davvero sulle soluzioni ai problemi e di persone che plasmano il futuro. Qual è la sua visione del mondo?

Personalmente, mi vedo più come un attivista, come qualcuno che sta dalla parte del presente, nel senso che non posso immaginare un futuro senza prima cercare di intervenire sui difficili problemi del nostro tempo. Questo è ciò che credo BMW esprima con il termine forwardismo: sostenere che il mondo può essere diverso da come è ora. Per me, la questione del futuro è sempre legata all’impegno a cambiare il presente. Il forwardismo è l’accordo che tutti noi abbiamo stretto sul fatto che il futuro deve esistere, anche se attualmente ci comportiamo come se non ci importasse. Però dobbiamo farlo.

Come dovrebbe essere il futuro di BMW per farle accelerare il battito cardiaco?

Auguro a BMW di continuare a sostenere l’arte e la sperimentazione, di prendersi cura della sostenibilità e del nostro ambiente, di essere leader nel trattare i suoi dipendenti con dignità e rispetto. E, naturalmente, mi auguro di poter viaggiare in futuro in modo lussuoso, veloce e sicuro.

Il progetto con Superblue e Rafael Lozano-Hemmer è un bellissimo esempio di ciò che cerchiamo di ottenere con le nostre iniziative culturali. Puntiamo a collaborazioni dirette con menti lungimiranti e, soprattutto, a creare insieme ai nostri partner qualcosa che non c’era prima e che può esistere solo grazie alla comunione di esperienze diverse e all’intelligenza condivisa.
Hedwig Solis Weinstein

Head of BMW Arts & Thought Leadership Collaborations

THIS IS FORWARDISM

Questo articolo fa parte della nostra serie THIS IS FORWARDISM. Si tratta di storie per coloro e su coloro che hanno un atteggiamento mentale collettivo in grado di plasmare il futuro. Per coloro che si impegnano per il domani, cercando senza sosta di ottenere di più. Non solo per arricchire se stessi, ma anche per arricchire coloro che li circondano. Per coloro per i quali il forwardismo è uno stato naturale. Il forwardismo è la gioia di vedere e sentire il futuro prima che sia stato creato e di sfidare continuamente le convenzioni per avere la certezza di un’esperienza migliore quando ci arriveremo. Significa mettere in discussione le convenzioni oggi per garantire una gioia duratura domani e oltre.

Autore: Tassilo Hager; Art: Lucas Lemuth, Shin Miura; Foto: Antimodular Studios, Enes Kucevic; Video: BMW