Per sapere di più su modelli, prodotti e servizi BMW:

BMW nel tuo paese

Scegli un altro paese

BMW 2002: la caccia al tesoro di un fan di auto d’epoca

5 MIN TEMPO DI LETTURA

La BMW 2002 è una delle auto d’epoca più richieste: un pezzo da collezionisti.

Uno di loro si chiama Sebastian Frenkel. Ha scoperto il suo ultimo esemplare, una BMW 2002 a trasmissione automatica a Beirut. La storia di un cacciatore di tesori.

Un’auto sportiva nelle vesti di una limousine: è così che la BMW Serie 02 ha fatto la storia durante gli anni ‘60 e ‘70. Oggi la gamma BMW E10 è un classico ed è diventata la preferita di molti fan delle auto d’epoca. Fan come Sebastian Frenkel.

La comunità “02” è una rete mondiale. E così Frenkel ha trovato la sua attuale Serie 02 su un gruppo Facebook. Un venditore di Beirut ha pubblicizzato la BMW 2002 a trasmissione automatica di colore oro sul social network. “La foto mi ha lasciato senza fiato e non riuscivo a togliermela dalla testa”, racconta Frenkel, di Potsdam

Fantastica: così un venditore di Beirut ha pubblicizzato la BMW 2002 di colore oro su Internet.
La BMW 2002 a trasmissione automatica, nella foto ancora con la targa del Libano, è un’auto d’epoca rara e richiesta.

Sebastian Frenkel è legato da tempo alla Serie 02. “Sono nato nel 1972. Lo stesso anno mio padre vinse una medaglia d’oro durante le Olimpiadi di Monaco di Baviera.” Peter Frenkel era nella formazione di partenza per la Repubblica Democratica Tedesca nella marcia 20 km. Le manifestazioni a Monaco di Baviera erano precedute da una BMW 1602 arancione – con motore elettrico. “L’ho scoperto solo in seguito”, dice Sebastian Frenkel. “Ma si combinava alla perfezione con la mia passione per la BMW 02.”

La BMW Serie 02

La gamma 114, nota anche come Serie 02, è stata in produzione dal 1966 al 1977 e derivava dalla nuova classe della BMW 1600. I veicoli sportivi di classe media disponevano di un motore a quattro cilindri (tipo M10) e di due sole porte. È per queste che, a partire dal 1971, i nomi dei modelli avevano 02 alla fine: BMW 1502, BMW 1602, BMW 1802 e BMW 2002.

Le prime due cifre si riferiscono alla cilindrata del motore M10, ad eccezione del “modello economico” BMW 1502, che venne prodotto con un motore più piccolo da 1,6 litri della BMW 1602. La produzione in serie della fortunata gamma 2002, con una capacità di due litri e una potenza compresa tra 100 CV (BMW 2002) e 170 CV (BMW 2002 turbo), ha inizio nel 1968.

La Serie “02” è stata sostituita nel 1975 dai primi modelli della Serie 3 inseriti nel programma BMW. Oggi, la tradizione della famosa Serie 02 viene continuata soprattutto dalla BMW Serie 2 Coupé.

Dopo la riunificazione della Germania, il ragazzo di Potsdam lavorava presso un’agenzia pubblicitaria a Berlino. A quei tempi guidavo una Trabant. Un collega aveva una BMW Serie 02 Touring. Quella per me era una vera auto!” Il collega consigliò a Frenkel un’officina a Braunschweig, che restaurava la Serie 02. Qui, nel 1990, comprai una BMW 1502 color verde menta da 75 CV al prezzo di 2000 marchi tedeschi e poi l’ho modificata insieme a un amico“, ricorda Frenkel.

La BMW 2002 a trasmissione automatica arriva al porto di Amburgo con molte scartoffie.

“In quel periodo le 02 non erano molto richieste, per questo motivo erano così economiche”, spiega il fan delle auto d’epoca. Oggi le 02 tenute in buone condizioni costano dieci o venti volte di più. “Ho amato la mia BMW 1502 sin dall’inizio.

Ben presto vennero prodotte altre 02. Quando Frenkel fondò la sua agenzia nel 1995, lui guidava un modello blu atlantico e il suo socio un modello giallo. “Ho guidato l’auto quasi ogni giorno fino al 2001 e l’ho davvero vissuta”, afferma Frenkel. Poi, con la fine della Serie 02, si sono susseguiti alcuni anni senza BMW. “A un certo punto, però, ho realizzato che questa era l’auto per me. Il design è splendido, la calandra sottile, i fanali posteriori arrotondati … è perfetta per me: come un abito su misura.”

Le BMW 02 sono sportive, compatte e agili. Dinamiche, ma anche molto docili e manovrabili. Ed è facile fare drifting con loro, soprattutto con la versione Turbo!
Sebastian Frenkel
Sebastian Frenkel ha portata la sua BMW 2002 a Potsdam. Lì, un suo amico meccanico sta facendo gli ultimi ritocchi.

A Beirut lo aspettava un abito su misura dal colore dorato. Poco dopo la scoperta su Facebook, un amico di Frenkel si recò per lavoro in Libano. “L’ho supplicato di guardare l’auto per me”, racconta il capo dell’agenzia. Per il suo amico la BMW 2002 era in buone condizioni. Un signore anziano l’aveva guidata per oltre 20 anni. Poi il venditore l’ha acquistata, restaurata e pubblicata su Facebook.

“Non appena ho scoperto che era in ottime condizioni, sono andato a Beirut. Sono stato lì tre giorni, ho mangiato bene, ho visitato questa città affascinante e poi ho comprato la 02 a un ottimo prezzo.” Frenkel ha portato il suo tesoro in Germania su una nave da carico. “Far scendere l’auto dalla nave ad Amburgo ha comportato molta burocrazia e molte spese”, afferma Frenkel. Dall’altro lato, però, non ha dovuto pagare nessun dazio, poiché in Germania le auto d’epoca con la targa H sono classificate come bene culturale con stato protetto.

Un gioiello: l’auto d’epoca dall’Estremo Oriente è fantastica anche nelle Germania orientale.

Alcuni dettagli del nuovo modello della gamma BMW E10 di Frenkel devono ancora essere ultimati. “Ma se lo merita”, dice con gioia il fan delle auto d’epoca. La cosa che gli sta molto a cuore è che tutto è come l’originale. “Non deve essere come se fosse appena uscita dall’officina”, spiega Frenkel, “ma i pezzi di ricambio dovrebbero essere dello stesso periodo dei pezzi originali.”

Il tesoro proveniente dall’Oriente prende il posto di una BMW 2002 giallo-rossa, con la quale Frenkel ha guidato anche sui circuiti. La sua nuova BMW 2002 a trasmissione automatica diventerà un veicolo per l’uso quotidiano.

Sebastian Frenkel sta spendendo del tempo per completare gli ultimi ritocchi. “Attualmente sono contento di avere il veicolo qui con me”, dice. “Quando mi sono trovato di fronte all’auto, ho realizzato di nuovo che la BMW 02 e io ci apparteniamo.”

Cookies

Usiamo i cookie per ottimizzare questo sito web e aggiornarlo continuamente a seconda delle tue preferenze. Per ulteriori informazioni sull’uso dei cookie su questo sito web, fai click su “Cookie”. Se fai click su “Si, accetto” i cookie verranno attivati. Se non vuoi che vengano attivati, puoi escluderli qui . I settaggi possono essere modificati in qualsiasi momento nell’area “Cookie”.