Pura trazione auto: con la BMW i4 M50 sul Salzburgring

9 min tempo di lettura
Il piacere di guida si arricchisce di nuova tecnologia: durante lo sviluppo della BMW i4 M50, la prima auto sportiva di BMW i e BMW M interamente elettrica, è stata prestata la massima attenzione a un telaio preciso e performante e al tempo stesso a un comfort elevato sulle lunghe distanze. Al Salzburgring, la pilota Charlie Martin mette alla prova il veicolo e la trazione dell’auto sotto la pioggia battente, con ottimi risultati.

Il 16 novembre 2021

Autonomia elettrica (WLTP) in km: 416-521  
Consumo di elettricità in kWh/100km (WLTP): 22,5-18,0  

Sono le 7 del mattino. La nebbia si leva sui pendii boscosi della valle del Salzburgring. Il termometro segna nove gradi, piove da ore. La strada bagnata brilla nella luce dell’alba. Condizioni di guida impegnative per la nuova BMW i4 M50, che nel garage della pit lane sta per essere svegliata per andare a fare un giro. Ma per Charlie Martin, il bello sta proprio in queste condizioni di guida e nel terreno impegnativo della pista del circuito. La pilota transgender (➜ Leggete anche: Charlie Martin: la diversità in pista) affronta le sfide con determinazione e curiosità ed è pronta a mettere duramente alla prova la prima auto sportiva completamente elettrica di BMW i e BMW M.

Concentrata sulla dinamica di guida fin dall’inizio

La pilota professionista britannica riceve gli ultimi consigli e le ultime istruzioni da David Ferrufino, il project manager responsabile dello sviluppo della BMW i4 M50. Una delle caratteristiche da testare, per esempio, è il launch control nell’ambito della modalità Sport Boost, che permette la massima accelerazione alla partenza. Per Ferrufino, il veicolo completamente elettrico offre (➜ Leggete anche: Auto elettriche: le tipologie da conoscere) l’optimum nella sua classe in termini di massima dinamica e allo stesso tempo di comfort adeguato. Spiega: “Nello sviluppo del telaio, è stata prestata la massima attenzione alla precisione e a prestazioni superiori, garantendo allo stesso tempo l’idoneità per l’uso quotidiano e il comfort sulle lunghe distanze. Il DNA della BMW i4 M50 è orientato verso il carattere delle auto sportive, che non lascia nulla da desiderare.”

Durante un giro di prova, Charlie Martin si fa un’idea dei punti più importanti della pista e della traiettoria ideale. Poi tutte le luci diventano verdi e può sperimentare la dinamica, la trazione dell’auto e la maneggevolezza nella pratica. Solo per una breve finestra temporale ci sono passaggi asciutti sull’asfalto, ma in prevalenza la pioggia aumenta il grado di difficoltà per auto e pilota.

Utilizzando cinque significative sezioni del tracciato, il project manager Ferrufino e la pilota professionista Charlie Martin forniscono un’idea di quali attributi della dinamica di guida sono stati al centro dello sviluppo della BMW i4 M50 e di come essi si esprimono particolarmente bene sul circuito del Salzburgring.

L’auto a trazione integrale presentata in un video: Charlie Martin e la BMW i4 M50 sul Salzburgring

1

La curva Emco: carrozzeria rigida e sterzata perfetta

“Abbiamo sfruttato la rigidità dell’alloggiamento della batteria nello sviluppo della dinamica del veicolo in virtù dei suoi requisiti di sicurezza in caso di collisione e abbiamo collegato gli assi delle ruote anteriori e posteriori in modo molto rigido tramite un campo di spinta sull’asse anteriore e un pacchetto di ammortizzatori sull’asse delle ruote posteriori per distribuire meglio la forza motrice”, spiega Ferrufino. “Questo permette di trasferire il flusso di potenza in modo molto preciso e rapido dall’asse anteriore all’asse posteriore tramite l’alloggiamento della batteria. Il conducente si trova a disposizione un veicolo molto agile che risponde molto rapidamente ai suoi input. Ciò fa sì che il veicolo viaggi come se fosse su rotaie.”

Questa precisione di guida in ogni fase della secca curva a S dopo l’uscita dai box, soprattutto nell’area superiore più esterna all’ingresso e all’uscita della curva, è davvero notevole, concorda Charlie Martin. “Entrando in una curva stretta, sono rimasta impressionata da come l’auto seguisse la traiettoria alla perfezione nonostante il fondo bagnato. La BMW i4 M50 reagisce in modo molto preciso. Non c’è ritardo tra il movimento del volante, la sospensione prima che lo pneumatico trovi l’asfalto. L’asse anteriore dell’auto ha un’aderenza impressionante e mi permette di far andare l’auto dove voglio senza deviazioni. I vantaggi di questa guida precisa si sentono nella curva Emco fin dall’inizio.”

2

Curva Nockstein: quando la trazione dell’auto è decisiva

Nella curva Nockstein, che segue un breve rettilineo, (➜ Leggete anche: 12 consigli top per la traiettoria ideale in curva) l’enorme potenziale di trazione combinato con l’alta dinamica del motopropulsore può far emergere in modo particolare i pregi sportivi della BMW i4 M50, rivela Ferrufino. Grazie al suo albero di trasmissione, si può dire che si tratta sia di un’auto a trazione anteriore sia di un’auto a trazione posteriore.

“Lo scopo principale della barra antirollio è quello di modificare la rigidità di rollio dell’asse su cui è montata. Il rapporto di rigidità di rollio tra l’asse anteriore e quello posteriore influenza l’equilibrio della vettura, in particolare la tendenza al sottosterzo o al sovrasterzo”, aggiunge Charlie Martin, sottolineando lo speciale tipo di trazione della BMW i4 M50 nella curva lunga. “Nella curva Nockstein, posso giocare con l’equilibrio della macchina. Si prende molta velocità in curva e si può usare la potenza del motore elettrico molto presto. L’aderenza delle gomme, che mi spinge in avanti fuori dalla curva, mi dà una buona sensazione di sterzata. La trazione dell’auto è così impressionante che sembra un tappeto magnetico. Questo perché ho la sicurezza di anticipare la mia traiettoria di guida mentre uso la potenza del motore elettrico, perfino sul bagnato. In effetti, posso forzare ai limiti del possibile molto più di quanto pensassi e prendere ancora più velocità in uscita dalla curva.”

3

Curva Est: tutte le sfaccettature della trazione auto

“Per sfruttare i suoi punti di forza nella curva Est, un veicolo deve offrire un controllo perfetto in ogni situazione di guida, sia in mezzo a influenze esterne come la pioggia o a ostacoli specifici della strada come cunette e cordoli”, spiega Ferrufino. “Qui sono cruciali uno sterzo preciso e una transizione immediata dalla frenata alla fase di accelerazione, come quelli forniti dalla BMW i4 M50. Provare l’estrema reattività della macchina al tocco dei pedali è una vera esperienza per i guidatori, che possono passare da una modalità molto confortevole e tranquilla durante la guida quotidiana, come se l’auto scivolasse sulla strada, a una guida più ambiziosa sui percorsi extraurbani o a un giro a tutta velocità sul Salzburgring.”

Charlie Martin pone particolare enfasi sulla rigidità del telaio e delle sospensioni. “In questa sezione, la macchina deve rimanere tranquilla, oscillando o inclinandosi il meno possibile, perché si vuole fare affidamento sul telaio. Grazie a questa stabilità e compostezza, si ha una sensazione di grande sicurezza e precisione al volante quando si entra nella curva Est, che è una lunga combinazione sinistra-destra da affrontare ad alta velocità.“

Esperienza a 360 gradi in un modello 3D: alla scoperta della sportiva BMW i4 M50 da ogni prospettiva

Innovazione tecnica nel veicolo e nella sua presentazione: con il modello 3D animato potete avere una visione completa ed emozionante del funzionamento interno della BMW i4 M50 dal punto di vista tecnico. Cliccate ora virtualmente sui componenti più importanti che rendono possibile la speciale dinamica di guida elettrica.

Nuovo caricamento
4

Curva del paddock: partenza anticipata grazie alla trazione elettrica

La grande sfida nello sviluppo della BMW i4 elettrica rispetto al motore a combustione è stata quella di compensare il peso extra della batteria di 561 kg. Per Ferrufino, questo era sia un’opportunità che un compito stimolante, che è stato risolto con un lavoro di squadra. “Un ottimo esempio è l’uso della batteria come elemento centrale della carrozzeria. La rigidità dell’alloggiamento della batteria permette di trasmettere il flusso di potenza della trazione elettrica in modo preciso e agile.”   

Charlie Martin sa apprezzare questa agilità. “La curva del paddock è una sezione del tracciato di grande intensità perché ci si avvicina ad alta velocità, si frena con forza e si scalano diverse marce. Questo può facilmente causare l’uscita di pista dell’auto e la perdita di controllo. Nella BMW i4 M50, non devo preoccuparmi di scalare, ma solo della mia traiettoria e della frenata. Senza il rumore di un motore a combustione come riferimento, i miei sensi sono completamente sintonizzati sul feedback dello sterzo e delle sospensioni, il che significa che mi concentro ancora di più sul set-up dell’auto e sulla ricerca del bilanciamento perfetto per massimizzare la velocità in entrata di curva. Ancora una volta, l’auto mi ha sorpreso per la sensazione di leggerezza che trasmette.”

5

Chicane: grazie all’accelerazione diventa una traiettoria ideale

La chicane, percorsa in una combinazione sinistra-destra-sinistra, richiede ancora una volta il massimo da auto e pilota. “Per dominare sfide come queste in modo sportivo, molti componenti della BMW i4 M50 si uniscono per creare una dinamica di guida elettrizzante”, spiega Ferrufino. Come si ottiene questo risultato? Tra le altre cose, mediante l’uso della sospensione sportiva Adaptive M, un baricentro più basso e un pacchetto di montanti con il 70 percentuale di rigidità in più rispetto alla serie 3. A questo si aggiungono una geometria dell’assale rivista con 26 mm di larghezza in più sull’assale anteriore e 12 mm su quello posteriore, la limitazione dello slittamento delle quattro ruote ARB-X con un controllo della coppia 10 volte più veloce e un flap di Gurney, un alettone posteriore per una maggiore deportanza supplementare.

Il fattore decisivo nella chicane è l’alta accelerazione in uscita dalle curve strette, sottolinea Charlie Martin. “L’auto è in grado di affrontare precisi cambi di direzione mantenendo un’eccellente aderenza sull’asse anteriore, più di quanto mi sarei aspettata da un modello a quattro ruote motrici. Nella chicane, è importante mantenere la velocità minima tra le curve. Con la BMW i4 M50, non devi mai fare avanti e indietro tra la seconda e la terza marcia, hai un’accelerazione istantanea disponibile in ogni momento. Questo dà sicuramente dei vantaggi al guidatore rispetto a un motore a combustione interna, l’elasticità dell’erogazione di potenza è qualcosa che si deve semplicemente sperimentare.”

Condividere la gioia di guidare

Sono le 18, il giro di prova è finito. Sotto la pioggia battente, la pista brilla alle luci della corsia dei box mentre l’auto entra nel garage asciutto. Il project manager ascolta curioso le impressioni di guida che Charlie Martin descrive al termine.

Per Ferrufino è un momento particolare: “La cosa più bella per un project manager, ma naturalmente anche per noi come BMW, è poter dare piacere a clienti e fan con i nostri prodotti, che hanno alle spalle tre o quattro anni di sviluppo o anche di più. Avere la possibilità di assistere al test drive di una pilota appassionata come Charlie Martin e ascoltare un feedback dalla sua viva voce è una sensazione speciale.” 

Quando gli ultimi riflettori sulla pista si spengono, Martin si rimette in marcia: il prossimo appuntamento, la prossima gara, la aspettano. Dà alla BMW i4 M50 un ultimo lungo sguardo mentre si congeda. In assoluto silenzio. Si può, ma non è sempre necessario descrivere il piacere della guida. L’espressione sul volto racconta più di mille parole.

Autore: Markus Löblein; Foto: Yannick Wolff; Video: Yannick Wolff, Patrick Zander

THE i4 M50

Scopri altro