Connettete la vostra vita

7 min tempo di lettura
Le app sono ovunque. Rendono la nostra vita più facile e comoda consentendoci l’accesso diretto ai servizi e ai beni che usiamo ogni giorno, il tutto con pochi tocchi e passaggi. Ma come ci siamo arrivati e qual è il futuro dell’ecologia delle app? Le app mobili sono ancora il pilastro della vita connessa? Cosa verrà dopo? Abbiamo deciso di scoprirlo, offrendovi al contempo un aggiornamento sull’app di BMW: My BMW App.

Il 29 ottobre 2021

Tutti noi le conosciamo: quei quadratini sul telefono che ci aiutano in tutto, dalle previsioni meteo alla gestione delle nostre finanze, e ci permettono di rimanere in contatto con gli amici. Le app sono un punto fermo della vita moderna e connessa. Oggi, pochi di noi possono immaginare di affrontare la routine quotidiana senza la compagnia di almeno una manciata di applicazioni mobili.

Non è sempre stato così. Uno sguardo alla rivoluzione dell’ecologia delle app racconta la storia di un mercato in rapida espansione, alimentato sì da nuove tecnologie, ma anche e in larga misura dal modo in cui viviamo la nostra vita e dagli strumenti di cui abbiamo bisogno per farlo.

Da Snake a compagno fedele

Per molti, la prima app al mondo risale al 1997, quando Nokia lanciò l’iconico cellulare Nokia 6110. Incorporato nel sistema operativo del telefono c’era Snake, un giochino da cellulare in stile arcade, una novità assoluta nel settore. Una decina d’anni dopo, nel 2007, Apple lanciò l’iPhone e con esso il primo App Store con circa 500 applicazioni disponibili: e fu subito storia. Oggi, nessuno sa quante app esistono. La versione 2021 dell’App Store, comunque, ha quasi due milioni di app disponibili, che messe insieme dovrebbero generare un enorme fatturato di 935 miliardi di dollari entro il 2023. Si può dire che l’app è qui per restare.

Emissioni di CO2 155-137 g/km (in combinazione)
Consumo di carburante 5,9-5,2 l/100 km (in combinazione)

“La popolarità delle app deriva in primo luogo dalla loro praticità”, afferma Tristan Horx, un futurologo e keynote speaker su temi di grande attualità come mobilità, digitalizzazione, globalizzazione e sostenibilità del thinktank tedesco, Zukunftsinstitut. L’istituto pubblica regolarmente dossier e rapporti sui temi che delineano il nostro futuro comune.

“Ormai, ci siamo abituati a poter gestire la maggior parte dei compiti quotidiani attraverso i nostri telefoni. In questo modo, le app, sono arrivate a svolgere un ruolo cruciale nelle nostre vite”, aggiunge.

Mentre diventiamo più consapevoli come utenti e le nostre esigenze si fanno più definite, sottolinea, anche le app stesse sono cambiate. Sostiene che si possa vedere un processo di maturazione, in cui il lancio apparentemente infinito di app per qualsiasi scopo immaginabile è sostituito da un minor numero di app, ma di migliore qualità. La praticità rimane cruciale: una buona app gestisce i compiti e raggruppa le informazioni necessarie in modo intelligente, ma in linea di massima si tende a privilegiare la qualità rispetto alla quantità.

Le app sono arrivate a svolgere un ruolo cruciale nelle nostre vite.
Tristan Horx

Mobilità connessa

Un’area che ha visto un vero e proprio boom nella tecnologia delle app è quella che possiamo definire in generale come lo spazio della mobilità. Poiché la mobilità diventa sempre più digitale e connessa, la necessità di app che possano adattarsi a questo stile di vita e alle sue esigenze, diventa maggiore, spiega Horx (➜ Leggete anche:  Le app per auto per appassionati di motori).

“Il futuro di questo settore è decisamente orientato all’elettrico e, per molti, le preoccupazioni maggiori sono l’autonomia e la ricarica. In questo contesto, un’app diventa incredibilmente utile, poiché può darti quella sensazione di tranquillità e farti sentire come se l’auto e il tuo dispositivo mobile stessero pensando insieme a te; ti mostra, ad esempio, dove si trova il prossimo punto di ricarica e come arrivarci. In generale, la connettività, ovvero l’interazione tra veicolo e app, garantisce una maggiore sicurezza e tranquillità e questo è un fattore importante nella proliferazione delle app per la mobilità,” afferma Horx.

Allora, qual è il futuro delle app e della mobilità? Stiamo andando verso una fusione completa tra dispositivo e auto? Una sorta di unicum della mobilità? Per Horx, la tendenza è chiara.

“Fondamentalmente, non stiamo più costruendo ‘auto’ nel senso classico del termine. Oggi, un’auto è più come uno smartphone su ruote: digitale in tutto e per tutto e connessa. Quando questo accade, utilizzare le app diventa qualcosa di più dell’essere fissati con la tecnologia e all’avanguardia: le app si assumono il compito di svolgere funzioni basilari, come la chiave dell’auto o il monitoraggio della ricarica, e quindi vanno a sostituire tutti i problemi che le persone devono affrontare se guidano o possiedono un’auto.”

La My BMW App

Per chi guida una BMW, la My BMW App offre proprio una modalità di questo tipo per collegare la vita all’interno e all’esterno dell’auto.

Al fine di facilitare e snellire l’interazione con le auto BMW, la My BMW App offre una serie di comode funzioni legate alla proprietà di una BMW, finora disponibili per gli automobilisti in 46 mercati. Includono pratiche funzioni quotidiane come gli aggiornamenti di stato, Find My BMW, Remote Services, Connected Charging, mappe e assistenza istantanea, esplorazione dei contenuti, guida e consigli.

La My BMW App è progettata per funzionare come un’estensione naturale di uno stile di vita completamente connesso, concepito su misura per chi possiede una BMW. In questo senso, la My BMW App è ben più di un “semplice” strumento pratico: è anche un canale a sé stante, in cui gli utenti possono trovare una miriade di funzioni che si adattano perfettamente al loro stile di vita, anche al di là del fatto di possedere una BMW.

La scheda Vettura permette agli utenti di ottenere rapidamente e facilmente una panoramica delle informazioni più importanti sullo stato del veicolo o su eventuali necessità relative alla manutenzione. Se si avvicina un controllo o un cambio dell’olio, una notifica avviserà l’utente e, se lo si desidera, sarà possibile programmare un appuntamento o un intervento di manutenzione direttamente dall’app.

Nell’app è disponibile anche la funzione Connected Charging. Con questa funzione, l’utente ottiene una panoramica completa dello stato di ricarica e l’accesso ai punti di ricarica vicini. L’app avvisa i conducenti anche in caso di interruzioni della ricarica o quando un veicolo è stato caricato con successo. Infine, registra automaticamente la cronologia di carica.

La funzione Controllo remoto della mia vettura offre ai guidatori BMW una serie di strumenti utili, che rendono la gestione della loro BMW facile e intuitiva. I conducenti possono per esempio avviare la climatizzazione dell’abitacolo prima della partenza o visualizzare immagini di ciò che circonda la loro auto direttamente sul loro telefono. Una nuova aggiunta è il ritorno della funzione  Horn Blow.Se i conducenti usano un iPhone Apple, possono usufruire anche della BMW Digital Key e, infine, è possibile gestire direttamente anche gli aggiornamenti software da remoto, assicurandosi che i veicoli siano sempre dotati dell’ultimo aggiornamento software disponibile (➜ Leggete anche: Guida ai segreti del BMW Software Update).

Un’altra chicca è la nuova funzione Service Video. Se c’è un problema con una BMW e il veicolo viene portato in un centro di assistenza BMW, la nuova funzione Service Video personalizzata fornisce ai proprietari BMW informazioni utili sul loro veicolo, senza che debbano essere fisicamente presenti in officina, sotto forma di video personalizzato.

I video vengono realizzati dal personale BMW addetto all’assistenza e trasmettono i risultati del check-up e le informazioni importanti in modo pratico e trasparente direttamente ai proprietari sullo schermo dei loro dispositivi. Sulla base di questo input, il proprietario può quindi decidere facilmente quali servizi prenotare per il proprio veicolo. Infine, è possibile pagare qualsiasi servizio effettuato direttamente tramite l’app.

Infine, utilizzando la scheda Explore, My BMW App funziona anche come strumento per esplorare contenuti nuovi e interessanti. I contenuti sono curati per gli utenti dai redattori, che selezionano accuratamente articoli e novità relativi a prodotti, design, arte e cultura, così come articoli esplicativi su funzionalità e prodotti selezionati.

La My BMW App è in continuo sviluppo e si arricchisce di nuove funzioni, quindi tenete d’occhio gli aggiornamenti per riuscire a interagire con la vostra BMW e l’ambiente circostante in modo veramente connesso*.

La My BMW App è disponibile sia per Android sia per iOS ed è scaricabile e utilizzabile gratuitamente.

*Avvertenza: Alcune caratteristiche dipendono dalla disponibilità del mercato locale e potrebbero non essere ancora disponibili nel vostro mercato.

Autore: David Barnwell; Foto: BMW

La My BMW App

Scopri altro