Bestia nera: Vantablack per BMW

4 min tempo di lettura
Una anteprima mondiale senza riflettori: BMW è il primo produttore a usare come rivestimento per auto Vantablack, il nero più nero al mondo, che assorbe anche la luce. Da dove proviene questo nero così intenso? Cosa lo rende così speciale?

Il 7 ottobre 2019

Hussein Al Attar, il designer che si è occupato della nuova BMW X6, ha chiamato la sua creazione “bestia”. Per questa show car rivestita con il Vantablack il nomignolo utilizzato internamente è a dir poco perfetto, perché non esiste un nero più nero del Vantablack.

Rivestimento che assorbe la luce quasi totalmente

Il Vantablack non è di base un colore o una vernice, ma un rivestimento di nanotubi di carbonio che hanno la proprietà di assorbire quasi del tutto la luce incidente. Davanti a uno sfondo nero molto intenso, gli oggetti rivestiti con il Vantablack sembrano quasi scomparire, perché si perde la percezione della profondità spaziale. Il motivo è il seguente: l'occhio umano percepisce le forme rivestite con il Vantablack come bidimensionali.

La show car BMW X6 è stata rivestita con la variante Vantablack VBx2, originariamente sviluppata per essere usata in architettura e in ambito scientifico. Questa variante del Vantablack ha una riflessione emisferica totale dell'uno per cento (THR) ed è quindi ancora considerata come super-nero. Offre tuttavia almeno una superficie riflettiva minima da ogni angolatura. Il Vantablack VBx2 presenta il grande vantaggio di presentarsi in forma spray.

1 / 5
Il Vantablack funziona molto bene sulla BMW X6 per le dimensioni, la forma distintiva e per come si presenta quest’auto in generale.
Ben Jensen

Inventore del Vantablack

(in alto) (1) La BMW X6 blu in preparazione per la verniciatura con il Vantablack – le componenti a contrasto e le superfici dei finestrini vengono coperti con nastro adesivo. (2) La cabina di verniciatura provvisoria attende il protagonista.

Che cosa è precisamente il Vantablack?

Il Vantablack è una sostanza composta da nanotubi di carbonio, che assorbe la quasi totalità della luce. Si tratta quindi del nero più nero in assoluto. La sostanza è stata brevettata da Surrey NanoSystems, che l’ha sviluppata per astronautica e tecnica di misurazione. Vanta è l’acronimo di “Vertically Aligned Nano Tube Array”, “schiere di nanotubi allineati verticalmente”.

(in senso orario da sinistra in alto) (1) La BMW X6, coperta da nastro adesivo, viene posizionata. (2) Prima della trasformazione: un'ultima occhiata al veicolo originale. (3) In attesa di un altro strato di Vantablack. (4) I tecnici di Surrey NanoSystems applicano il primo strato di Vantablack.

Con il rivestimento ultra-nero, la BMW X6 diventa un esemplare unico, perché mai prima d'ora il Vantablack era stato usato come vernice per auto. Con Surrey NanoSystems, sviluppatore del Vantablack, è nata una collaborazione a prima vista, nel vero senso della parola. “In passato abbiamo rifiutato numerose richieste da parte di diverse case automobilistiche”, conferma Ben Jensen, inventore del Vantablack e fondatore di Surrey NanoSystems, parlando di questa collaborazione. Per quanto riguarda la BMW X6, l’azienda ha avuto la sensazione di poter operare con l’auto giusta.

Questa tecnologia è stata sviluppata originariamente per l’astronautica (➜ Leggi anche: Il meteorite sale a bordo). Il Vantablack viene lavorato a temperature da 430 gradi Celsius e può quindi essere applicato anche su materiali sensibili come l'alluminio. Obiettivi rivestiti con il Vantablack rendono visibili stelle poco luminose e galassie lontane, dal momento che la luce del sole ha poche possibilità di contrastare il materiale altamente tecnologico.

La collaborazione con BMW deve essere considerata in questa ottica. Elementi di design della BMW X6 come la griglia anteriore illuminata, i doppi fari e i fari posteriori dal design accattivante creano un contrasto interessante con il rivestimento in carbonio che assorbe la luce.

Il designer Hussein Al Attar ritiene che fosse proprio questo il fascino speciale del progetto. Il Vantablack avrebbe aperto al designer nuove prospettive. Quando hanno progettato la show car si sono quindi concentrati sulle forme e proporzioni, senza dover considerare riflessioni, o e luce.

Quasi pronta: la BMW Vantablack X6 con lo strato finale del nero più nero al mondo.
Il rivestimento Vantablack mette in primo piano i pilastri del design di questa auto, senza essere influenzato dalla luce e dalle riflessioni.
Hussein Al Attar

Creative Director Automotive Design presso Designworks

La bestia nera in attesa: la BMW Vantablack X6 pronta per il servizio fotografico.

Sarà possibile acquistare il Vantablack?

La show car rimarrà un pezzo unico perché è una sfida enorme rendere il nero più nero del mondo durevole per l'uso quotidiano nelle auto. Rivestire un’auto con questo nero assoluto sarebbe estremamente costoso e discutibile in termini di sicurezza stradale. La tecnologia sarà tuttavia utilizzata nei sensori laser per i sistemi di assistenza alla guida e quindi per una guida autonoma. (➜ I 5 passi della guida autonoma).