BMW

Per sapere di più su modelli, prodotti e servizi BMW:

7 pietre miliari della storia di BMW M7 pietre miliari della storia di BMW M

7 pietre miliari della storia di BMW M

4 min tempo di lettura
50 anni e ancora al top: non ci si aspetta altro da BMW M, il sotto brand sportivo di BMW. Per l’occasione, presentiamo qui sette leggendari modelli appartenenti a mezzo secolo di storia di BMW M.

Il 5 maggio 2022

Attiva le notifiche push

Mobilità innovativa, nuovi e avvincenti trend e un altissimo numero di giri: abbonati adesso alle notifiche per i nuovi contenuti.

L'abbonamento successo.

L'abbonamento fallito. Se hai bisogno di aiuto segui il link per il supporto.

Nei 50 anni della sua esistenza, BMW M ha messo su strada numerosi modelli che sono diventati classici, leggende, persino icone. E tutto questo accanto ai grandi successi di vendita che i modelli BMW M hanno raggiunto e continuano a conseguire. Sembra quasi impossibile selezionarne solo sette per questo importante anniversario, perché in realtà anche la BMW M3 CSL, la BMW M Roadster e molte altre dovrebbero comparire in questa lista. Ma torniamo ai 7 modelli selezionati: sulla lista delle cose imperdibili per i fan della BMW M sono stati inseriti modelli che erano in anticipo sui tempi o che lo sono ancora oggi. I fan di BMW M non sono gli unici che possono guardare avanti alla grande trasformazione dell’ingegneria automobilistica. Ne è una prova il BMW Concept XM. Adesso però si alzi il sipario sulle 7 pietre miliari di mezzo secolo di storia di BMW M.

Basta un clic per accedere alla vostra BMW M preferita

BMW 3.0 CSL (E9) dal 1971

Tutti gli inizi sono semplici
BMW 3.0 CSL (E9), storia bmw, BMW M, auto d'epoca, ereditàBMW 3.0 CSL (E9), storia bmw, BMW M, auto d'epoca, eredità

Come si può iniziare un elenco storico in modo sensato? Partendo dall’origine, ovviamente. E, nel caso della BMW M, essa porta il nome di 3.0 CSL. La scheda tecnica della prima auto di BMW M nella sua fase finale di elaborazione nel 1973, sviluppata con l’aiuto di Alpina, recita come segue: 3,2 litri di cilindrata, distribuiti naturalmente su sei cilindri in linea, 206 CV. Con un peso a vuoto di 1.270 chilogrammi, è all’altezza del suo nome (CSL sta infatti per Coupé Sportivo Leggero). La versione da corsa (➜ Leggete anche: Auto d’epoca da corsa di BMW) della CSL è spinta sull’asfalto addirittura da 750 CV. Il design è spettacolare come i dati delle prestazioni. La versione del 1973, in particolare, resta impressa a fuoco nella memoria: grandi ali e spoiler fanno parte di un pacchetto aerodinamico e le valsero presto il soprannome di “Batmobile”. 167 unità contate a mano sono passate dal bancone di BMW M. E ciò ci riporta all’origine: ogni grande inizia in piccolo.

BMW M1 (E26) 1978

L’icona
BMW M1 (E26), storia bmw, BMW M, auto d'epoca, design automobilistico, designBMW M1 (E26), storia bmw, BMW M, auto d'epoca, design automobilistico, design

Si parla spesso e volentieri di icone o leggende in relazione alle auto classiche rare. Non sempre a ragione, ma nel caso della BMW M1 questi superlativi sono senz’altro azzeccati. Il linguaggio del design automobilistico di Giorgio Giugiaro era molto avanti rispetto al suo tempo, il motore era un motore a quattro valvole all’avanguardia con 3,5 litri di cilindrata e la maneggevolezza era quella che ci si aspetta da un’auto originariamente progettata per la pista: sportiva fino in fondo. La BMW M1, che era alta solo 1,14 metri, ha acquisito notorietà anche gareggiando nella serie Procar come parte del programma di supporto alla Formula 1. O perché l’artista di fama mondiale Andy Warhol l’ha presa e l’ha trasformata in un’opera d’arte su ruote (➜ Leggete anche: Le BMW Art Cars). Ma come spesso accade, i buoni se ne vanno troppo presto. Dopo circa tre anni di produzione dal 1978 al 1981 e circa 450 unità, tutto finì. Questo però ha solo contribuito a creare il suo status di icona.

BMW M3 (E30) 1986

La vincitrice di sempre
BMW M3 (E30), storia bmw, BMW M, auto d'epoca, ereditàBMW M3 (E30), storia bmw, BMW M, auto d'epoca, eredità

A proposito di icone: se oggi si chiede a un appassionato di BMW quale sia il suo modello preferito dell’azienda Bayerische Motoren Werke, la risposta non di rado è: “E30”. E alla domanda sulla versione, si aggiunge subito: “come M3”. Nessuna macchina di quel tempo si distingue maggiormente per lo slogan “Piacere di guidare” (➜ Leggete anche: La storia dello slogan BMW). Nel 1986, 195 CV in un’auto di medie dimensioni rappresentavano una presa di posizione decisa. La linea dal design sportivo e, soprattutto, il corpo allargato della prima M3 si differenzia chiaramente dai suoi fratelli più cittadini della gamma. Per poter utilizzare la BMW M3 come auto da corsa, ovvero la finalità per la quale era stata originariamente progettata, BMW M doveva prima venderne 5.000 unità. La cosa avvenne molto rapidamente, con grande sorpresa di BMW M. Il successo con i clienti era un lato della medaglia; il successo sulle piste del mondo era l’altro. In pochi anni, la più sportiva di tutte le BMW Serie 3 vinse quasi tutti i titoli nel mondo delle auto da turismo. E così raggiunse anche lo status di leggenda sulla pista da corsa.

BMW M5 Touring (E61) 2007

Buona combinazione
BMW M5 Touring (E61), storia bmw, BMW MBMW M5 Touring (E61), storia bmw, BMW M

10 cilindri in una BMW Touring sono una caratteristica unica che deve essere semplicemente celebrata: chi all’epoca, nel 2007, avesse cercato un motore del genere (➜ Leggete anche: I migliori motori BMW) in una station wagon di lusso, l’avrebbe trovato solo da BMW M, sotto forma di BMW M5 Touring. Il motore a V si inserisce nella gamma di velocità di un motore da corsa ed eroga 507 CV alle ruote posteriori. È l’unico motore di serie a dieci cilindri costruito da BMW e fu anche il punto più alto dell’era dei motori naturalmente aspirati di BMW M. Infatti, le successive generazioni di BMW M5, benché tutte non più disponibili come modelli Touring, erano e sono tutte turbocompresse. Sono stati prodotti ben 1.000 esemplari della BMW M5 Touring. Questo la rende già un oggetto da collezione. Non solo per gli appassionati di auto d’epoca.

BMW X6 M (E71) 2009

Il precursore
BMW X6 M (E71), storia bmw, BMW M, SACBMW X6 M (E71), storia bmw, BMW M, SAC

Incrociare un SUV con un’auto sportiva non può funzionare. Almeno questo è quello che il mondo dell’auto pensava prima che BMW M presentasse la X6 M. Infatti, nel 2009, gli ingegneri del dipartimento sportivo di BMW combinarono così bene i componenti high-tech del nuovo bi-turbo con i geni della BMW X6 che venne creato un menu auto davvero impressionante. Otto cilindri incontrano un cambio automatico a sei velocità e un massiccio 555 CV trova il suo equivalente nella trazione integrale. BMW M inserisce questa tecnologia nella scocca della BMW X6. Tricolore, la potente Sport Activity Coupé di BMW M, è quindi più che all’altezza (➜ Leggete anche: La storia del logo BMW M), il che ci porta al prossimo modello M nella lista delle pietre miliari.

BMW M2 CS (F87) 2019

Ridotta al massimo
BMW M2 CS (F87), storia bmw, BMW M, auto sportive, ereditàBMW M2 CS (F87), storia bmw, BMW M, auto sportive, eredità

Chi è alla ricerca della quintessenza del concetto di “Piacere di guida”, non può ignorare la BMW M2 CS del 2019. L’abbreviazione CS, che sta per Competition Sport, indica chiaramente dove porta il viaggio nella più sportiva di tutte le BMW Serie 2: nel paese dei balocchi per chi guida. E a volte anche sulla pista chiusa. Infatti, è lì che la compatta auto tedesca sportiva si sente a casa: molta potenza sotto il cofano (450 CV generati dal sei cilindri in linea biturbo), un telaio messo a punto per le curve e il peso a vuoto ridotto grazie a numerosi componenti in carbonio (➜ Leggete anche: Auto in carbonio) formano una combinazione che rende scendere dalla macchina la più grande difficoltà per il conducente della BMW M2 CS. E questo perché nessun appassionato di auto vuole lasciare questa macchina di sua spontanea volontà.

BMW i4 M50 (G26) 2021

Una nuova era
BMW i4 M50 (G26), storia bmw, auto tedesca, tecnologiaBMW i4 M50 (G26), storia bmw, auto tedesca, tecnologia

Entrare nella lista delle pietre miliari della BMW M appena un anno dopo il lancio: com’è possibile? Semplicissimo: basta essere il primo veicolo BMW con un badge M Performance a essere alimentato da un motore elettrico (➜ Leggete anche: Panoramica delle auto elettriche). I fan dei motori a combustione potranno fare a meno di chiedere se la BMW i4 M50 porti a ragione il badge M al più tardi quando, in fase di accelerazione, saranno schiacciati sui loro sedili dalla pura forza dei 795 Nm di coppia e dai 400 kW (544 CV) e rimarranno senza fiato. Sospensioni M, sterzo sportivo e freni sportivi hanno quindi la loro giustificazione. Quindi, alla fine, le caratteristiche della BMW i4 M50 assicurano che si rientra a pieno titolo tra le pietre miliari della famiglia BMW M di cui tratta questo articolo. E in più, lascia gli appassionati di auto in trepidante attesa di sapere quali altri modelli di auto sportive elettrificate verranno lanciati su strada da BMW in futuro.

Autonomia elettrica 416-521 km (WLTP)
Consumo energetico 22,5-18,0 kWh/100 km (in combinazione)

Che cosa sono le auto sportive BMW M?

BMW M GmbH è stata fondata nel 1972 come BMW Motorsport GmbH. È una divisione di BMW AG. BMW M produce modelli BMW ad alte prestazioni e particolarmente sportivi. Molti hanno una reputazione leggendaria e sono dei classici. Tra questi, la supersportiva BMW M1 e la BMW M3, la base di una delle auto da turismo di maggior successo di sempre.

Autore: Nils Arnold; Art Direction: Lucas Lemuth, Verena Aichinger, Madita O'Sullivan; Foto: BMW

THE i40 M50THE i40 M50

THE i40 M50

Scopri altro